L'impatto del Covid sul Turismo a Palermo: l'80% attività ricettive stima perdite 50-100% :ilSicilia.it
Palermo

i numeri dell'Ufficio di statistica del Comune

L’impatto del Covid sul Turismo a Palermo: l’80% attività ricettive stima perdite 50-100%

di
5 Luglio 2020

Oltre l’80% delle strutture alberghiere e ricettive di Palermo avrà una perdita di fatturato compresa fra il 50 e il 100% quest’anno a causa dell’emergenza Covid-19. A risentire maggiormente sono le piccole strutture come i B&B e le case vacanze, ma anche per gli alberghi la perdita media non sarà inferiore al 50-60%. Il 4,5% delle strutture ricettive non supererà la crisi e i gestori prevedono di non poter più riprendere la propria attività, nemmeno nel 2021, quando invece prevedono di tornare ad operare poco più di un quarto di B&B e gestori di affitti temporanei.

Sono alcuni dei dati che emergono dalla rilevazione condotta nelle prime tre settimane di giugno dal Comune di Palermo, il cui Ufficio di statistica ha coinvolto 548 fra albergatori, gestori di case vacanze, titolari di locazioni brevi, ostelli ed altre strutture ricettive.

“Sono numeri che già immaginavamo – afferma il sindaco Leoluca Orlando – ma che ora hanno una maggiore valenza e che serviranno a comprendere meglio quanto è avvenuto e quanto sta avvenendo; dati che ci permetteranno di calibrare le nostre risposte e, soprattutto, le istanze che vogliamo presentare al governo nazionale e su cui vogliamo ragionare insieme con la Regione”.

Leoluca OrlandoLo studio condotto dal Comune mostra nettamente che a risentire maggiormente della crisi è stata il settore della ricezione extra-alberghiera; proprio quello che negli ultimi anni aveva registrato un vero e proprio boom con l’apertura e la regolarizzazione di centinaia di piccole strutture.

Alla fine del 2018, data dell’ultima rilevazione, erano 553 gli esercizi extra-alberghieri in città, con un aumento del 56% rispetto a due anni prima. In termini di perdita netta e quindi di impatto sull’economia complessiva del settore, sono però gli alberghi a segnare il calo maggiore, anche per l’impatto che l’interruzione delle attività ha avuto in termini occupazionali. Già nelle scorse settimane, il Comune aveva affidato all’Ufficio statistica un ulteriore studio sull’impatto del Covid, da cui era risultata una perdita stimata, nel solo periodo di marzo, aprile e maggio, di circa 32 milioni, di cui almeno 10 milioni di valore aggiunto, quindi di beneficio diretto per la collettività in termini di utili e reddito.

“Non è purtroppo irrealistico pensare – afferma il sindaco – che entro la fine dell’anno la perdita del settore sia di almeno 60-70 milioni. Numeri da capogiro che stanno certamente migliorando in queste prime settimane d’estate grazie anche alla conferma di dati non drammatici sul fronte sanitario, ma che restano comunque alti confermando come tutto il mondo del turismo e del suo indotto sia fra quelli più colpiti da questa devastante crisi, anche in considerazione dell’elevato numero di occupati”.

Un dato positivo emerge dalla “reazione” alla crisi da parte dei gestori che nella quasi totalità si sono già attrezzati per garantire l’ospitalità in sicurezza ai propri clienti. Già ad inizio giugno, oltre l’80% aveva adeguato le proprie strutture alle nuove linee guida per essere pronto ad affrontare al meglio la stagione estiva e dell’inizio dell’autunno, quando in città si concentra comunque la grande maggioranza della presenza turistica.

“A conferma – conclude il sindaco – della grande professionalità e della passione con cui lavorano le strutture cittadine, consce del fatto che il turismo ha rappresentato in questi ultimi anni e può certamente tornare a rappresentare il principale volano dello sviluppo economico della nostra città”.

Dario Franceschini, Capitale Italiana della Cultura 2021
Dario Franceschini

Proprio per sottolineare questa professionalità e richiamare l’attenzione del governo nazionale e degli organismi internazionali, il sindaco Orlando ha inviato ieri una lettera al ministro Franceschini e a Zurab Pololikashvili, segretario dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per il turismo, invitandoli a visitare Palermo e la Sicilia “che – ha ricordato – è la Regione con il più alto numero di beni materiali ed immateriali iscritti nel patrimonio mondiale dell’Unesco e che, anche se per fortuna meno colpita in termini sanitari dalla pandemia, non è stata per questo meno affetta dalla crisi economica ed in particolare del settore turistico, che è espressione della nostra cultura dell’accoglienza”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.