L'indagine per peculato. A Ingroia contestati pure pernottamenti in hotel di lusso :ilSicilia.it

I soggiorni sarebbero arrivati a costare fino a 2.275 euro

L’indagine per peculato. A Ingroia contestati pure pernottamenti in hotel di lusso

16 Marzo 2018

Nella lista delle spese che l’ex pm Antonio Ingroia si sarebbe fatto rimborsare indebitamente, quando era amministratore unico della società regionale Sicilia e Servizi, risulterebbero anche diversi pernottamenti a Villa Igiea, lussuoso hotel di Palermo.

I pernottamenti sarebbero arrivati a costare anche fino a 2.275 euro e le cene, in alcuni ristoranti come quello del noto chef Natale Giunta, fino a 120 euro.

Sono alcuni particolari dell’inchiesta per peculato a carico dell’ex magistrato a cui oggi il gip, su richiesta della Procura, ha sequestrato oltre 151 mila euro.

Secondo gli inquirenti, gli unici rimborsi che gli sarebbero spettati erano quelli relativi ai trasporti mentre nessuna somma avrebbe dovuto percepire per vitto e alloggio.
All’ex magistrato, è stata contestata poi l’autoliquidazione indebita di un’indennità di risultato di 117 mila euro relativa all’anno 2013, quando aveva avuto il compito di liquidare Sicilia e Servizi.

Secondo la Procura, l’entità della indennità sarebbe sproporzionata rispetto ai risultati raggiunti. La materia è disciplinata da una normativa molto complicata, modificata nel 2008, che stabilisce che l’indennità debba essere liquidata se ci sono utili e comunque in misura non superiore al doppio dello stipendio annuo lordo del manager che era di 50mila euro.

La vecchia normativa inseriva tra i criteri per la quantificazione anche la ragionevolezza e la proporzione tra il quantum percepito e il risultato raggiunto.

Secondo i magistrati, nonostante la modifica legislativa, questi non sarebbero stati eliminati dalla nuova formulazione. Tesi, quella dell’accusa, che fa apparire esorbitante, rispetto agli utili fatti, la cifra liquidata all’ex pm.

In virtù dell’autoliquidazione infatti gli utili sono passati da 151 mila a 33 mila euro. Insomma nelle tasche di Ingroia sarebbe finito poco meno dell’80% del risultato conseguito dalla società grazie alla sua gestione.

LEGGI ANCHE

Peculato, la Finanza sequestra 151 mila euro all’ex pm Ingroia

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona