L'ira dei parrucchieri di Palermo: "Il coronavirus non ci ha ucciso, lo Stato sì" | LE INTERVISTE :ilSicilia.it
Palermo

dopo la nuova ordinanza l'ira aumenta

L’ira dei parrucchieri di Palermo: “Il coronavirus non ci ha ucciso, lo Stato sì” | LE INTERVISTE

di
27 Aprile 2020

Tutti a lavorare, ma coi capelli lunghi e la ricrescita.

Arrabbiati ed esasperati, i parrucchieri e i barbieri di Palermo reagiscono così alle nuove disposizioni enunciate ieri sera il premier Giuseppe Conte sull’emergenza coronavirus.

I saloni per capelli saranno fra le ultime attività a poter riaprire. La data? Si pensa al primo di giugno. Ed ecco che l’ira aumenta da parte dei proprietari delle attività e dei loro dipendenti, che continuano a vedersi negato il loro diritto al lavoro e al proprio stipendio. A quanto pare, la categoria si sta organizzando per una protesta davanti Palazzo d’Orleans.

Tony: “Stanno proteggendo le categorie più forti”

Tony Valguarnera

Non sono contrario a lockdown. Però effettivamente c’è qualcosa che non quadra in tutto questo“. Afferma Tony Valguarnera responsabile amministrativo di Skip Parrucchieri.

Si parla di sport quando il vero problema è la pandemia e le attività chiuse da mesi. Ricordo a tutti che in Sicilia non è arrivata la cassa integrazione in deroga. Il dato di fatto è che al 27 aprile non abbiamo nemmeno un euro di cassa integrazione. Quasi tre mesi senza percepire nessuna forma di redditto“.

Il governo non sta dando fiducia alla nostra categoria. Le misure da adottare si sanno quali sono. Dai guanti monouso. Alla sanificazione. A tutti i dispositivi di protezione utili. Perchè  la riapertura il primo di giugno? Il contatto ravvicinando lo hanno molte altre attività. Siamo sicuri che la manipolazione dei prodotti alimentari di un panificio e il cibo da asporto non ha problemi superiori? Si stanno tutelando le categorie forti“.

Toni si pone una domanda che molti palermitani si sono chiesti: “Come è possibile che il governo Conte sta attuando le stesse regole in Sicilia e in Lombardia? Ci sta qualcosa non chiaro in tutto questo“.

In merito ai sussidi alle attività commerciali afferma: “Skip, mio fratello,  ha ricevuto i 600 euro come tutti. La banca per il prestito vuole le garanzie e non è vero che è a fondo perduto. Nel frattempo le compagnie energetiche i soldi li vogliono. Gli affitti corrono. E nessuno ci aiuta. Nella mia vita ho cercato in tutti i modi quale sia una nuova forma di protesta pacifica, ma ancora un’altra soluzione purtroppo è impossibile da trovare. La categoria dovrebbe essere più coesa. Inutile fare la guerra sui prezzi tra di noi. Tutto questo sta soltanto facendo  aumentare barbieri che lavorano in casa fuori legge e fuori ogni controllo all’emergenza“.

Giulio: “Il Lockdown lo decidiamo noi”.

Titubante anche Giulio Caccamo titolare della nota parrucchieri palermitana in merito alla data della

riapertura. Lui sarà presente alla manifestazione che si sta organizzando a palazzo d’Orleans per far sentire il proprio dissenso. “Lo stato ci deve garantire come vivere. A questo punto il lockdown lo decidiamo noi sino al 31 dicembre 2020. Diventando tutti abusivi. Perchè è ovvio che queste continue restrinzioni al nostro settore stanno facendo aumentare in modo esponenziale il lavoro in nero“.

Acconciatori di Carini: “Siamo in ginocchio”.

Giusto Durante

Giusto Durante figlio d’arte di Carini è la voce di numerose parrucchierie della zona e afferma: ” Siamo veramente delusi e arrabbiati. Siamo in ginocchio. Ad oggi siamo vittima dell’abusivismo e dello sciacallagio.  Chiediamo al governo di anticipare l’apertura nel rispetto della saluta dei clienti. Siamo distrutti. Il governo deve fare qualcosa. Non abbiamo le forze e i fondi per arrivare al primo giugno“.

Giusto: “Il Covid-19 non ci ha uccisi lo Stato sì”.

Arrabiato Giusto Catania acconciatore della parrucchieria “La Barberia 55”  del capoluogo siciliano .

Giusto Catania

Abbiamo appreso dal presidente del Governo Conte, l’attesissima fase 2, sperando potesse dare informazioni utili in merito alla nostra categoria. Attendevamo data e normative specifiche per prepararci alla riapertura dei nostri locali, ed invece abbiamo noi tutti assistito ad un attegiamento superficiale , mettendoci all’ultimo posto come codice  attivita per la riapertura.  Siamo stati umiliati, offesi“. Parole pesanti quelle di Giusto che continua dicendo: “La fase 2 è una fase che in alcune realtà rischia di far chiudere le proprie botteghe, ma non solo, così facendo si sta solo aumentando il rischio contagi  perchè in molti continueranno ad operare abusivamente la percentuale è in continua crescita e sotto gli occhi di tutti. Politici, conduttori, ospiti delle trasmissioni tv, hanno i capelli in ordine, argomento messo in evidenza anche dal sindaco di Messina”.

Abbiamo, in modo civile, attraverso i nostri rappresentanti di categoria, messo in evidenza problematiche di tipo economico e sociale, chiedendo la riapertura imminente del nostro settore, prontissimi a sanificare i nostri locali e attuando le normative di sicurezza e tutela per la salute nostra e dei nostri clienti , utilizzando disinfestanti detergenti e quant’altro,ma le nostre richieste non sono state prese in considerazione“.

Sono stati violati i nostri diritti al lavoro, ed è per questo che in settimana si attende una protesta per opporci  al decreto davanti al nostro presidente della regione Nello Musumeci. IL COVID 19 NON CI HA UCCISI LO STATO SI. Questo è il messaggio che già da oggi renderemo visibile nei nostri negozi, e’ questo che sentiamo di dire a questa classe politica che ci ha abbandonati“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.