Liste e quote rosa. Tutti alla ricerca della candidata vincente :ilSicilia.it

La curiosità

Liste, parità di genere e quote rosa. Tutti in cerca della candidata vincente

di
26 Gennaio 2018

Tutti alla ricerca di protagoniste femminili e donne da reclutare sui territori o da prestare alla politica. In vista delle composizione delle liste per le elezioni, il cui termine scade il prossimo lunedì, da Forza Italia ai 5stelle, dai centristi dell’Udc al Pd, da Salvini a Fratelli d’Italia.

Anche in Sicilia la ricerca ha messo in affanno dirigenti di partito e militanti. Tra i nomi che figurano in Sicilia come potenziali candidate si svaria da Ester Bonafede  (Udc) a Carolina Varchi (Fdi), da Valeria Sudano (Pd) all’uscente e pluriconfernata Stefania Prestigiacomo (FI).

L’inserimento del principio delle quote rosa nella legge elettorale (o meglio della parità di genere) ha diviso politici e studiosi in Italia. Con questo termine ci si riferisce a quegli strumenti finalizzati a tutelare la distribuzione fra i sessi all’interno degli organi rappresentativi, attraverso diversi meccanismi di calcolo e attribuzione dei seggi. L’introduzione di queste normative è ritenuta, da parte dei loro sostenitori, garanzia di una maggiore rappresentatività

Per i detrattori delle quote rosa, invece, queste normative produrrebbero una discriminazione alla rovescia rispetto alle altre minoranze non egualmente tutelate. In Europa (in particolare in Svezia, Islanda, Norvegia, Paesi Bassi, Regno Unito, e Germania) le quote di genere non sono stabilite per legge, ma sono adottate nell’ambito delle regole di partito.

In Italia si è voluto celebrare  una sorta di otto marzo della politica, un modo per conoscere un rispetto dovuto codificandolo nell’obbligo di legge.

Un principio di opportunità reso necessario,  che costituisce per molti versi un indicatore preoccupante di quanta scarsa sensibilità probabilmente ci sarebbe diversamente da così.

In Sicilia si sono candidate in passato a Palazzo d’Orleans Rita Borsellino (contro Cuffaro nel 2006) e Anna Finocchiaro (contro Lombardo nel 2008). Momenti storici in cui, entrambe le  candidate pagarono un divario in termini di voto strutturato e di trend consolidato dell’elettorato dell’epoca che rende poco attendibile l’appeal del candidato ‘donna’ nell’uno contro uno del turno maggioritario secco.

Al tempo stesso il numero di sindaci-donne nell’Isola non è aumentato e fino a questo momento non ha riguardato nessuna delle tre città metropolitane (Palermo, Catania e Messina). Discorso analogo per la Provincia dove costituì a Trapani un’eccezione il doppio mandato di Giulia Adamo (1998-2003).

Insomma, comunque vada sarà un successo per il gentil sesso nella rappresentanza siciliana e delle altre regioni nel prossimo parlamento nazionale. Ma per  non correre rischi sulla maschile si è preferito farlo dire a una legge. Non si sa mai.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin