L'Italia a due velocità: mentre Genova riparte, 5 anni fa il crollo del Viadotto Himera :ilSicilia.it

Anas: "Lavori ultimati entro giugno 2020"

L’Italia a due velocità: mentre Genova riparte, 5 anni fa il crollo del Viadotto Himera

di
9 Aprile 2020

Domani l’anniversario solitario in una strada al momento poco trafficata a causa delle restrizioni per prevenire il contagio del Coronavirus.

Era il 10 aprile del 2015, quando il viadotto Himera lungo la carreggiata Palermo-Catania dell’Autostrada A19 cedette a causa di una frana nel terreno sui cui poggiavano i piloni, causando l’interruzione nei due sensi di marcia dell’arteria che collega le due principali città dell’Isola.

Appena 270 metri, simbolo della vergogna in Sicilia e dell’Italia a due velocità.

A Genova infatti, nonostante, l’emergenza Coronavirus, proseguono i lavori al nuovo Ponte Morandi, crollato il 14 agosto 2018. Dopo soli 20 mesi lì si ha già un nuovo ponte lungo 1.067 metri.

Il cronoprogramma in Sicilia, che prevedeva la scadenza contrattuale per l’autunno 2019, è stato poi aggiornato con ultimazione ad aprile 2020. “Tale aggiornamento – spiegò Anasè stato imputabile, in parte, alle avversità meteorologiche dell’inverno 2018-2019, che hanno rallentato la realizzazione delle opere di fondazione, ma soprattutto al ritardato avvio del varo dell’impalcato metallico, causato da sopravvenute difficoltà finanziarie del fornitore della carpenteria metallica per le travi, che ha presentato istanza di concordato”.

VIADOTTO HIMERAPoco meno di trecento metri ancora non ricostruiti dopo cinque anni che avrebbero dovuto essere riaperti in questo mese ma che il blocco nato dall’emergenza sanitaria del Covid 19 ha fatto nuovamente slittare all’inizio di questa estate: “Allo stato attuale i lavori, seppur fortemente rallentati a causa dell’emergenza Covid-19, proseguono e si stima che il completamento dell’opera, compatibilmente con l’attuale stato di emergenza, possa avvenire entro l’inizio della stagione estiva“, dicono dagli uffici dell’Anas.

Ci vollero sette mesi prima della costruzione da parte dell’Anas di un bypass da 7,4 milioni (tutt’ora in uso) per scavalcare la carreggiata del ponte che era ceduta e immettersi subito dopo in autostrada da una rampa costruita apposta. La carreggiata per Palermo fu riaperta dopo più di un anno dalla frana, il 30 aprile del 2016 dopo le necessarie verifiche statiche del viadotto rimasto in piedi.

I lavori di ricostruzione per 11 milioni di euro sono stati avviati il 15 maggio del 2018 e dovevano concludersi proprio in questo mese, dopo un primo slittamento dovuto alle cattive condizioni meteo dello scorso inverno.

Viadotto Himera

Il progetto, realizzato con procedure ordinarie, prevede la creazione di un nuovo ponte in acciaio con tre campate di grande luce per uno sviluppo di 270 metri. La campata centrale di luce da 130 metri consentirà di scavalcare tutta la parte centrale del corpo di frana, mentre le due pile e le relative fondazioni, posizionate ai margini della frana, saranno dimensionate per resistere al complesso quadro geomorfologico esistente sui versanti.

Adesso sono state completate le fondazioni delle nuove pile e i rostri a protezione, e’ stata ultimata la realizzazione delle nuove pile e dei pulvini, sono stati completati gli interventi di consolidamento e rinforzo della preesistente pila 16 e sono in via di ultimazione quelli relativi alla preesistente pila 22.

Sono in avanzato stato di esecuzione le operazioni di montaggio dell’impalcato che, nelle prossime settimane, sarà varato.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.