Liti, veleni e veti. Quasi pronto l'esercito di sottosegretari del Conte bis | ilSicilia.it :ilSicilia.it

nomi eccellenti e ritorni renziani

Liti, veleni e veti. Quasi pronto l’esercito di sottosegretari del Conte bis

di
12 Settembre 2019

Liti furibonde, veleni, telefonate incrociate e veti. Sono questi i dati caratterizzanti di queste ore in merito alla nomina dei sottosegretari del governo Conte bis. Movimento 5 stelle e Partito Democratico da giorni sono animati da un forte confronto sui tasselli da completare per l’esecutivo. A ore, comunque, si potrebbero sapere i nomi dei prescelti, che dovrebbero soddisfare gli appetiti di tutti, correnti del Pd incluse.

Dai nomi che si faranno si potranno capire i rapporti di forza interni al Partito democratico, con l’influenza dell’area Renzi, che è stata determinante per far nascere il nuovo governo e vuole avere un ruolo di primo piano.

Fra i grandi esclusi ci potrebbe essere Vito Crimi, su cui c’è un veto alla sua possibile nomina ai servizi segreti, che andrebbero al Pd. Crimi dovrebbe perdere anche l’editoria a beneficio del Pd. Si fanno i nomi di Andrea Martella, ma anche del grillino Emilio Carelli.

La delega dell’energia potrebbe passare a Giampaolo Manzella del Pd, nonostante i 5 Stelle stiano sponsorizzando il nome di Tamburrano. Come sottosegretario alle Riforme in pol position ci sono i nomi di Fraccaro e del renziano Cociancich.

Per l’interno, il Pd piazzerebbe Fiano, mentre si fa il nome di Sibilia riconfermato nel ruolo. Intanto, un posticino la troverebbe pure Elisabetta Trenta, che verrebbe premiata per “avere contrastato Salvini” durante il governo Conte 1, come da lei stessa affermato.

Al ministero dei trasporti potrebbe andare Giancarlo Cancelleri, che entrerebbe così nel governo nazionale, sdoganandosi dal ruolo siciliano ricoperto fino a ora, mentre Manlio Di Stefano potrebbe essere il sottosegretario agli Esteri. Alla sanità finirebbe il palermitano Giorgio Trizzino, che in passato si era schierato a favore dei vaccini senza se e senza ma.

Per il Partito democratico si fanno, inoltre, i nomi di Debora Serracchiani e dell’ex segretario Martina nel ruolo di viceministri. Una partita che si giocherà in queste ore e che potrebbe destare ancora qualche sorpresa.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

La stramberia dello stop alla Ztl notturna a Palermo

E’ possibile che questo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non riesca a mettere un freno alle stramberie del suo assessore alla Mobilità, Giusto Catania? Evidentemente, non ha una grande considerazione per i palermitani, proponendo l’abolizione della Ztl nella fascia oraria notturna
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.