23 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.10

Il dovere di provarci comunque fino a quando la matematica è dalla nostra parte

Livorno-Palermo 2-2 occasione persa e 2 punti persi (VIDEO)

27 Aprile 2019

Livorno-Palermo 2-2. Gli highlights e tutti i gol del match tra Livorno e Palermo, trentacinquesima giornata del campionato di Serie B 2018/2019.

Ai rosanero serviva solo una vittoria e con una squadra in fondo alla classifica che sta per retrocedere sarebbe bastato giocare con il modulo giusto che non è la difesa a 4, giocatori fuori ruolo vedi attaccanti anche questa volta giocare ancora spalle alla porta e Falletti troppo lontano dall’area ed un inutile Jajalo a centrocampo.

Poi come avevamo scritto gravissimo errore schierare Bellusci ormai troppo falloso ed inutilizzabile in una fase finale di campionato dove serve lucidità e freddezza e sopratutto andava schierata la difesa a 3 con Sziminsky, Rajkovic ed Accardi o Mazzotta , il centrocampo a 4 con Rispoli esterno destro, Muravski alla regia , con accanto il migliore in campo Fiordilino ed esterno sinistro vista l’asssenza del titolare Salvi in questo caso Mazzotta od Aleesami.

In attacco le due punte fisse in area Nestorovski e Puscas e con loro nel corso della partita Trajkovski, Falletti o Moreo.

Così dopo essere passati in vantaggio su rigore con Nestorovski è arrivato prima il pari per un errore di Brignoli superato fuori dalla porta dall’ex Diamanti e poi con la difesa schierata con l’11-0-0 di non lontano memoria vanto di Tedino e Stellone e notoriamnete perdente era arrivato puntuale il gol del vantaggio dei padroni di casa.

L’ingresso in campo  della punta Trajkovski ed il baricentro della squadra spostato in avanti alll’attacco , come è nel dna di questi giocatori, portava al pareggio rocambolesco all’Armando Picchi nella giornata di sabato 27 aprile. 2-2 al termine dei 90′, tra magie e nervosismo.

Come detto ha aperto le marcature su rigore il macedone Nestorovski. Nella ripresa succede di tutto: Alino Diamanti fredda Brignoli con una conclusione dai 30 metri, poi il vantaggio momentaneo di Raicevic. Trajkovski rimedia nel finale, salvando i rosanero da una sconfitta pesante. Espulso Bellusci al 90′.

Ora la promozione non passa più dalle mani del Palermo ma da quel che succede domani sera fra il Lecce ed il Brescia ed in ogni caso serviranno dopo solo 3 vittorie ma dopo quel che si è non visto con il Livorno è tutta una strada in salita a meno che finalmente si applichi il modulo giusto e si restituiscano i giocatori ai loro ruoli naturali ed allora la strada sarebbe tutta in discesa.

Ora per sapere qual sarà il nostro prossimo futuro saremo costretti grazie a questo bruttismo pari, accompagnato da una pessima prova dei rosanero, ad attendere il risultato finale dello scontro al vertice fra Brescia e Lecce e non ci resta che tifare per la squadra di Corini praticamente adesso irraggiungbile per noi al primo posto.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.