Musumeci, la '104' e i regionali che non sono mai abbastanza. :ilSicilia.it

I piani del governo

Musumeci, la ‘104’ e i regionali che non sono mai abbastanza

di
5 Aprile 2018

La provocazione, andata a buon fine di Nello Musumeci, ieri in conferenza stampa sui dipendenti regionali “adottati pur di avere la 104”, segna uno spartiacque preciso nei rapporti tra il governatore siciliano e la burocrazia regionale. Nulla di preoccupante, per carità, ma certamente il primo segnale concreto e definito di alcuni limiti, oggettivamente presenti all’interno della macchina burocratica regionale, e l’atteggiamento di riorganizzazione che l’esecutivo proverà a portare avanti nei confronti dei regionali.

Nell’anno che dovrebbe segnare la ridefinizione del rinnovo del contratto dopo oltre dieci anni,  chiarisce lo stato dei fatti, il suo pensiero e la situazione generale che si presenta densa di contraddizioni e poco brillante: “Abbiamo 2350 dipendenti che usufruiscono dei permessi della legge 104, e non sempre sono fratelli e figli. Ci sono casi di dipendenti che si sono fatti adottare da anziani pur di legittimare un rapporto che consenta loro di non essere nella disponibilità delle esigenze del governo”.

Oggi alla Regione sono in 14.653.  Tre anni fa, nell’esercito sterminato della macchina burocratica superavano i 17mila. Dopo la finanziaria del 2015 si è dato vita all’esodo, programmato fino al 2020 per sfoltire i ranghi e rideterminare le posizioni. Al 31 dicembre del 2015 i dipendenti in servizio erano 14.490 nel comparto, 1646 per quanto riguarda la dirigenza. Il costo complessivo degli stipendi ammontava a 915,5 milioni. Al 31 dicembre 2016 i dipendenti in servizio erano 13.341 e 1.442 nella dirigenza, per un costo di 824,7 milioni di euro.

Una cifra che è andata diminuendo  alla scadenza dello scorso anno quando  il numero dei dipendenti è arrivato a 12.760 nel comparto e a 1.330 tra i dirigenti ancora in servizio. La spesa per il trattamento economico si è attestata invece a 786,9 milioni di euro.

Musumeci ieri ha posto il problema del dopo esodo che si concluderà nel 2020: “Abbiamo 13mila dipendenti e i nostri uffici non possono disporre di personale. Avremmo bisogno di avvocati, di laureati in economia. Nel 2020 andranno in pensione circa tremila altri dipendenti. Il problema rischia di determinare una paralisi se non interveniamo”

Intanto Fulvio Pantano, segretario generale del Sadirs, intervenuto ieri in commissione Bilancio all’Ars in un’audizione in merito alle problematiche del personale  regionale ha commentato: “Mancano ancora circa 10 milioni per garantire il rinnovo dei contratti al comparto e non c’è ancora un euro per la dirigenza. In tutto mancano circa 19 milioni. E per quanto riguarda l’organizzazione della macchina amministrativa non sembra esserci la volontà di intervenire. Così rischiamo di fare un lavoro a metà poco utile per tutti”.

LEGGI ANCHE

Disabili. Musumeci: “Alcuni dipendenti regionali ‘adottati’ per usufruire della legge 104”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.