Musumeci, la '104' e i regionali che non sono mai abbastanza. :ilSicilia.it

I piani del governo

Musumeci, la ‘104’ e i regionali che non sono mai abbastanza

di
5 Aprile 2018

La provocazione, andata a buon fine di Nello Musumeci, ieri in conferenza stampa sui dipendenti regionali “adottati pur di avere la 104”, segna uno spartiacque preciso nei rapporti tra il governatore siciliano e la burocrazia regionale. Nulla di preoccupante, per carità, ma certamente il primo segnale concreto e definito di alcuni limiti, oggettivamente presenti all’interno della macchina burocratica regionale, e l’atteggiamento di riorganizzazione che l’esecutivo proverà a portare avanti nei confronti dei regionali.

Nell’anno che dovrebbe segnare la ridefinizione del rinnovo del contratto dopo oltre dieci anni,  chiarisce lo stato dei fatti, il suo pensiero e la situazione generale che si presenta densa di contraddizioni e poco brillante: “Abbiamo 2350 dipendenti che usufruiscono dei permessi della legge 104, e non sempre sono fratelli e figli. Ci sono casi di dipendenti che si sono fatti adottare da anziani pur di legittimare un rapporto che consenta loro di non essere nella disponibilità delle esigenze del governo”.

Oggi alla Regione sono in 14.653.  Tre anni fa, nell’esercito sterminato della macchina burocratica superavano i 17mila. Dopo la finanziaria del 2015 si è dato vita all’esodo, programmato fino al 2020 per sfoltire i ranghi e rideterminare le posizioni. Al 31 dicembre del 2015 i dipendenti in servizio erano 14.490 nel comparto, 1646 per quanto riguarda la dirigenza. Il costo complessivo degli stipendi ammontava a 915,5 milioni. Al 31 dicembre 2016 i dipendenti in servizio erano 13.341 e 1.442 nella dirigenza, per un costo di 824,7 milioni di euro.

Una cifra che è andata diminuendo  alla scadenza dello scorso anno quando  il numero dei dipendenti è arrivato a 12.760 nel comparto e a 1.330 tra i dirigenti ancora in servizio. La spesa per il trattamento economico si è attestata invece a 786,9 milioni di euro.

Musumeci ieri ha posto il problema del dopo esodo che si concluderà nel 2020: “Abbiamo 13mila dipendenti e i nostri uffici non possono disporre di personale. Avremmo bisogno di avvocati, di laureati in economia. Nel 2020 andranno in pensione circa tremila altri dipendenti. Il problema rischia di determinare una paralisi se non interveniamo”

Intanto Fulvio Pantano, segretario generale del Sadirs, intervenuto ieri in commissione Bilancio all’Ars in un’audizione in merito alle problematiche del personale  regionale ha commentato: “Mancano ancora circa 10 milioni per garantire il rinnovo dei contratti al comparto e non c’è ancora un euro per la dirigenza. In tutto mancano circa 19 milioni. E per quanto riguarda l’organizzazione della macchina amministrativa non sembra esserci la volontà di intervenire. Così rischiamo di fare un lavoro a metà poco utile per tutti”.

LEGGI ANCHE

Disabili. Musumeci: “Alcuni dipendenti regionali ‘adottati’ per usufruire della legge 104”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.