Lo Giudice: "Tagliati 134 milioni per il dissesto idrogeologico in provincia di Messina" :ilSicilia.it
Messina

il deputato contesta la decisione della Giunta regionale

Lo Giudice: “Tagliati 134 milioni per il dissesto idrogeologico in provincia di Messina”

18 Settembre 2019

“La Giunta regionale ha tagliato complessivamente 134 milioni di euro destinati dal Patto per il Sud al contrasto del dissesto idrogeologico in provincia di Messina”. Lo denuncia il deputato regionale Danilo Lo Giudice che già era intervenuto nello specifico del Comune di Santa Teresa Riva, di cui è sindaco, dove il taglio è stato di circa 11 milioni.

“Non è assolutamente chiaro – afferma Lo Giudice – quale sia il criterio adottato dalla Giunta, perché nelle premesse della sua delibera si parla di dare priorità ai progetti cantierabili, ma ad essere stati tagliati sembra che siano stati proprio questi, per i quali si potrebbe già procedere all’indizione della gare”. 

Lo Giudice punta il dito contro la struttura commissariale per il dissesto “i cui tempi di espletamento delle gare e le cui priorità sono del tutto sconosciuti, basti pensare che i due progetti di Santa Teresa sono stati trasmessi già corredati da tutti i pareri oltre 15 mesi fa e da allora nulla è successo”. 

Lo Giudice ha annunciato la presentazione di una interrogazione per chiedere al Governo chiarimenti, preannunciando che comunque “interverrà in ogni sede utile perché il territorio messinese non subisca uno scippo che non soltanto appare illegittimo dal punto di vista formale ma soprattutto è pericoloso per la sicurezza del territorio e delle comunità visto che stiamo parlando di dissesto e quindi di potenziali pericoli per l’incolumità dei cittadini”. 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.