Lo sbarco degli americani in Sicilia :ilSicilia.it

DAL BLOG "I CONTI CON LA STORIA"

Lo sbarco degli americani in Sicilia

di
13 Luglio 2020

La decisione di sbarcare in Sicilia gli alleati la presero a Casablanca nel corso della conferenza iniziata il 14 gennaio 1943. Non fu una decisione facile ma, sicuramente, ebbe enormi conseguenze sullo sviluppo successivo degli eventi bellici. Gli americani, ma i sovietici che volevano scaricare la pressione tedesca e che quindi auspicavano l’apertura di un nuovo fronte, non erano molto convinti dell’opportunità dello sbarco, avrebbero preferito continuare la preparazione per quello già programmato in Normandia, ciò che sarebbe avvenuto non prima dell’estate del ’44.

Gli inglesi, e Winston Churchill, erano al contrario convinti che fosse opportuno procedere immediatamente ad uno sbarco nell’area del Mediterraneo e, in particolare, sul territorio italiano, per consentire da un lato di allentare la pressione dei Paesi dell’Asse sul continente ma, anche, per incrinare ancor di più la già fragile fiducia degli italiani sulla vittoria finale promessa dal fascismo.

Il premier inglese riuscì alla fine a convincere Roosevelt ed a superare le resistenze del generale Eisenhower che, presa la decisione di intervenire in Italia, avrebbe preferito puntare sulla Sardegna perché immaginava in questo modo che da lì potesse fare il salto a Roma e tagliare in due l’Italia. Vinsero alla fine, gli inglesi e, in particolare Winston Churchill, che dimostrarono il valore più che strategico politico della operazione, certi che la occupazione della Sicilia avrebbe avuto, come in effetti ebbe, ripercussioni drammatiche per la stabilità del regime fascista.

Il 9 maggio del 1943, una domenica come tante altre, il fischio lamentoso delle sirene lacerò l’aria di una Palermo; arrivarono le fortezze volanti alleate e scaricarono sulla città il loro terribile carico di morte. Era chiaramente un’azione intimidatoria che tendeva ad ulteriormente abbassare il morale già basso dei siciliani. Larghe ferite si aprirono nel centro storico di Palermo, ferite che, nonostante il tempo trascorso, stentano a rimarginarsi.

Il bombardamento ebbe un effetto notevole sulla popolazione, la gente comune comprese che nonostante i roboanti comunicati ufficiali, il Paese si avviava decisamente verso la sconfitta. Il 13 maggio, infatti, le ultime truppe italo-tedesche impegnate sul fronte africano erano state costrette alla resa e l’11 giugno successivo le isole di Pantelleria e di Lampedusa furono occupate dalle truppe alleate. A questo punto, fu chiaro che la successiva tappa di questa irresistibile avanzata non avrebbe potuto essere che la stessa Sicilia.

E Mussolini, che certamente aveva ricevuto informazioni riservate sulle intenzioni degli alleati e pressioni da parte del re e di ambienti moderati, per “sganciare le sorti dell’Italia da quelle della Germania”, il 24 giugno rilanciò in modo proditoriamente in sede di direttorio del P.N.F., con le solite roboanti dichiarazioni affermando “bisogna che non appena questa gente tenterà di sbarcare, sia congelata su quella linea che i marinai chiamano del bagnasciuga”.

Parole forti che, tuttavia, non suscitarono più alcuna emozione; la gente, soprattutto la gente di Sicilia, aveva ormai la consapevolezza dell’ inarrestabile crisi del sistema politico e dell’assoluta insufficienza delle forze armate italo-tedesche a fronte della forza militare su cui potevano contare le armate nemiche. Di questa enorme forza d’urto i siciliani ebbero conferma all’alba del 9 luglio 1943, quando le truppe, al comando del generale Patton, sbarcarono in forza tra Gela e Licata, travolgendo le iniziali deboli resistenze italo-tedesche, mentre l’VIII armata britannica, al comando del generale Montgomery puntava sul litorale fra Capo Passero e Siracusa incontrando, invece, in queste zone maggiori resistenze.

Basta fare mente locale alla sproporzione di truppe e mezzi fra i due avversari, per rendersi conto come la tesi di una Sicilia occupata grazie all’apporto decisivo della mafia con la regia di Lucky Luciano, sia stata solo una favola senza fondamento che dovrebbe coprire di ridicolo chi la sostiene, tirata fuori soprattutto da filofascisti per giustificare la tesi di un fantomatico tradimento da parte di forze oscure. Le operazioni militari, che registrarono aspri combattimenti come quelli della cosiddetta Battaglia della piana di Catania, si protrassero per oltre un mese e si conclusero con l’occupazione dell’isola e il traghettamento degli armamenti e delle forze superstiti dell’armata italo-tedesca, in Calabria.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.