24 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 16.14
Palermo

L'intervista al segretario provinciale della Confsal Snals Università

Lo Snals contro Micari: “Ha trascinato l’Ateneo nell’agone politico” [Video Intervista]

4 Ottobre 2017

PALERMO – Una dura presa di posizione nei confronti del Rettore Fabrizio Micari, candidato alla presidenza della Regione, è quella che si evince dal documento, recentemente redatto dalla Confsal Snals Università, a firma del segretario provinciale Giovanni Madonia Ferraro.

Ad essere fortemente contestata la scelta della sua candidatura,  mantenendo all’interno dell’Università il ruolo di Magnifico rettore e la sua già annunciata decisione di essere in congedo, dal 7 settembre al 5 novembre (giorno delle elezioni), per dedicarsi alla campagna elettorale.

Un gesto così eclatante e unico nella storia dell’Università di Palermo – commenta Giovanni Madonia Ferraro – avrebbe dovuto quanto meno far spontaneamente sorgere nell’Accademia una riflessione, se non un’aperta contestazione, sui risvolti etici e morali conseguenti a tale scelta. Francamente non riusciamo a comprendere come mai l’Accademia universitaria accetti acriticamente che il Rettore rimanga in carica e, addirittura, che possa ritornare attivamente a guidare l’Ateneo in caso di sconfitta elettorale. Eppure, – aggiunge – dovrebbe essere chiaro a tutti che, nel momento stesso in cui si è candidato, il Rettore ha ormai irrimediabilmente perso quel ruolo super partes assegnatogli dalla legislazione vigente”.

Ci spiace constatare che, negli ultimi tempi, l’Accademia ha perso quel vigore che l’ha contraddistinta nel corso della centenaria storia dell’Ateneo, quando si è sempre dimostrata pronta a battagliare per perseguire i nobili fini dell’istituzione e il rispetto delle regole. Adesso invece – continua – l’Accademia si dimostra sempre più acquiescente nei confronti delle decisioni imposte dall’alto, anche quelle che sembrano addirittura infrangere la mission istituzionale. Prova ne è il silenzio con cui è stata accolta la delibera con cui – conclude – il Consiglio di Amministrazione ha soppresso le Aree della Formazione e della Ricerca”.

 

N.B.: In relazione al nostro articolo è pervenuta una nota del Prof. Giovanni Di Pisa, segretario provinciale dello SNALS Confsal che precisa:

  • non esiste un sindacato denominato “Confsal Snals Università”. Il sig. Giovanni Madonia Ferraro è il responsabile della Sezione presso l’Università di Palermo del sindacato “Confsal Federazione SNALS Università / CISAPUNI”, sigla non riferibile né identificabile con il sindacato Snals Confsal.
  • Nel merito delle affermazioni contenute in seno all’intervista rilasciata dal Sig. Madonia, si rappresenta che lo SNALS Confsal, Sindacato Nazionale Autonomo Lavoratori Scuola, essendo Sindacato autonomo, non si schiera né contro né a favore di quanti sono protagonisti di competizioni elettorali. Lo SNALS Confsal non è pertanto contro Micari.

Il Prof. Giovanni Di Pisa, nella già indicata qualità di rappresentante legale della Segreteria Provinciale SNALS Confsal di Palermo, si dissocia da quanto espresso, a titolo del tutto personale, dal sig. Giovanni Madonia Ferraro.

 

Il segretario nazionale “Confsal Federazione SNALS Università / CISAPUNI”, Santo Crisafi, precisa che il sig. Madonia Ferraro Giovanni è il segretario provinciale della Confsal Fed. S.N.A.L.S. Univ./ Cisapuni di cui è il legale rappresentante.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.