Lo stato dell'arte a Palermo, conversando con Gigliola Beniamino Magistrelli [Video intervista] :ilSicilia.it
Palermo

Fondatrice della galleria Artetika

Lo stato dell’arte a Palermo, conversando con Gigliola Beniamino Magistrelli [Video intervista]

di
2 Marzo 2018

 

Qual è lo stato dell’arte nella città di Palermo? E del mercato ad essa connesso? 

Abbiamo chiesto a Gigliola Beniamino Magistrelli, fondatrice della galleria Artetika e pioniera del mondo dell’arte a livello nazionale, una riflessione sulla realtà odierna.

Nei decenni di attività svolti non solo in Sicilia, ma in tutta Italia, la curatrice ha realizzato eventi che hanno attirato l’attenzione degli addetti ai lavori internazionali: Alessandro Kokocinski, Kino Mistral e Ninni Marraffa, giusto per citarne alcuni.

Per l’anno di “Palermo Capitale Italiana della Cultura” la galleria ha in cantiere diversi appuntamenti a cominciare dalla mostra di Ada Loffredo, omaggio ad Aldo Pecoraino, che si inaugurerà il 17 marzo.

 

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA IN ALTO

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.