18 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 06.56
Palermo

Fondatrice della galleria Artetika

Lo stato dell’arte a Palermo, conversando con Gigliola Beniamino Magistrelli [Video intervista]

2 Marzo 2018

 

Qual è lo stato dell’arte nella città di Palermo? E del mercato ad essa connesso? 

Abbiamo chiesto a Gigliola Beniamino Magistrelli, fondatrice della galleria Artetika e pioniera del mondo dell’arte a livello nazionale, una riflessione sulla realtà odierna.

Nei decenni di attività svolti non solo in Sicilia, ma in tutta Italia, la curatrice ha realizzato eventi che hanno attirato l’attenzione degli addetti ai lavori internazionali: Alessandro Kokocinski, Kino Mistral e Ninni Marraffa, giusto per citarne alcuni.

Per l’anno di “Palermo Capitale Italiana della Cultura” la galleria ha in cantiere diversi appuntamenti a cominciare dalla mostra di Ada Loffredo, omaggio ad Aldo Pecoraino, che si inaugurerà il 17 marzo.

 

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA IN ALTO

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Palermo dai Capelli Rossi

Non sono qui oggi a parlarvi della prostituzione, non voglio mettere al centro dell’attenzione storie di novelle “bocca di rose” poiché il discorso sarebbe troppo complesso... Parlo di Palermo e dei suoi look diversi...
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.