Lo Stretto di Messina è una discarica: scoperta shock del robot subacqueo | FOTO :ilSicilia.it
Messina

lo studio di tre ricercatori del Cnr

Lo Stretto di Messina è una discarica: scoperta shock del robot subacqueo | FOTO

di
30 Marzo 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Plastica, tanta plastica. Ma non solo. Cassette di musica, lattine, auto, sacchetti, secchi, pennelli, un forno, un albero di Natale e perfino una bambola e 4 barche affondate. C’è un po’ di tutto in fondo al mare, e precisamente sullo Stretto di Messina.

La scoperta di una gigantesca discarica sommersa è stata documentata dallo studio di tre ricercatori del Cnr e della Sapienza di Roma, pubblicato sulla rivista Nature. Il tutto grazie alle telecamere piazzate su un robot subacqueo, “ROV“.

«Quasi 4.000 rifiuti sono stati contati lungo sette transetti del ROV, che hanno esplorato una distanza lineare totale di 6.420 m si legge nello studio – . La plastica morbida, rappresentata essenzialmente da buste e sacchetti di plastica, è di gran lunga la categoria più diffusa, rappresentando il 52,4% dei detriti totali, seguita da plastica dura che rappresenta il 26,1%».

rifiuti stretto di MessinaI ricercatori Martina Pierdomenico, Daniele Casalbore Francesco Latino Chiocci, che avevano iniziato un progetto per realizzare la carta geologica del fondale a mille metri di profondità nello Stretto, si sono imbattuti in questa incredibile distesa di rifiuti. Perfino un mestolo a mille metri di profondità.

«Diversi oggetti di grandi dimensioni sono per lo più riconosciuti all’interno dei canali Tremestieri (Sicilia) e San Gregorio (Calabria). Degno di nota, un’auto sepolta si trova a 510 m nel canale di San Gregorio, mentre quattro piccole imbarcazioni sono osservate nel canale 1 di Tremestieri tra 580 e 520 m di profondità. Uno di questi è stato identificato come una piccola barca appartenente ad una struttura turistica situata nella costa siciliana, a circa 40 km a sud della testa del canale 1 di Tremestieri. La concentrazione massima di rifiuti è stata osservata in corrispondenza o subito dopo la confluenza dei rami di canale nel canale 1 di Tremestieri».

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin