Lo Stretto di Sicilia nella competizione geopolitica. I Turchi sempre più padroni :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti

due fregate missilistiche turche dinanzi Tripoli e Misurata

Lo Stretto di Sicilia nella competizione geopolitica. I Turchi sempre più padroni

di
2 Maggio 2021

Lo Stretto di Sicilia è recentemente diventato un teatro sempre più significativo della competizione geopolitica mediterranea. Diverse, infatti, sono le potenze e gli attori regionali e sovraregionali che si contendono il controllo e l’egemonia di queste acque, strategicamente tanto importanti.

In questo contesto, l’Italia dovrebbe avere un ruolo di primo piano poiché è geograficamente protesa verso questa porzione marittima del Mediterraneo. In realtà il Nostro Paese, fin dall’Unità nazionale, ha tentato di affermare un’egemonia sull’area, riuscendoci soltanto a tratti e per brevi periodi (ricordiamo, per esempio, la campagna libica del 1911-12). L’Italia ha avuto, infatti, un rapporto sempre difficile con questo tratto di Mar Mediterraneo, passaggio obbligato per il collegamento tra lo stretto di Gibilterra e il Canale di Suez. Una vera e propria arteria di connessione tra il sistema dell’Indo-Pacifico e il sistema dell’Atlantico.

Nessun Governo italiano, quindi, è riuscito a controllare davvero ed efficacemente lo Stretto di Sicilia, nonostante venga sovrastato fisicamente. Una mancanza che evidenzia la difficoltà italiana a porre in essere strategie geopolitiche efficaci ma che esprime anche un limite culturale della difficoltà a pensare e a proiettarsi sul mare.

Una mancanza e un limite che dà la misura del peso geopolitico marittimo italiano. Se non si è in grado di controllare l’ingresso di casa, figuriamoci se si può pensare di guardare un poco al di là. Naturalmente a tutto vantaggio degli altri competitor e soggetti geopolitici. Soltanto nel secondo dopoguerra, abbandonata ogni politica di potenza, e sotto la protezione dell’ombrello americano, l’Italia è riuscita a risolvere il problema del controllo dello Stretto di Sicilia.

Ma nell’ultimo decennio si è registrato un minore impegno degli Usa, che hanno iniziato a considerare lo spazio mediterraneo meno importante, preferendo concentrare i propri sforzi in altre parti del globo. Bisogna aggiungere che nel 2011 si è assistito al crollo del sistema di potere dell’area nordafricana, con le Primavere arabe. Fino all’insediamento di turchi e russi in Libia nell’ultimo anno. Uno slancio strategico che ha messo in imbarazzo il nostro Paese, messo di fronte alla propria inettitudine marittima e strategica.

La presenza russa e soprattutto turca ha determinato un cambiamento dell’assetto navale del Mediterraneo centro-meridionale. Qui i turchi stanno dimostrando una certa vivacità, ponendo due fregate missilistiche dinanzi ai porti di Tripoli e Misurata. Una presenza, quella di Ankara, che testimonia il successo dell’operazione condotta circa un anno fa in appoggio del governo-cliente di Fayiz al-Sarrag. Inoltre, sono diverse le forze, aree, subacquee e di superficie, dispiegate dai turchi per controllare la rotta marittima che si dispiega dai porti libici alla Turchia.

Un successo molto importante, quello di Ankara, che permette ai discendenti dell’ex impero ottomano di proiettarsi e di ampliare la propria capacità d’azione verso la Sicilia e potenzialmente anche verso il Mediterraneo occidentale. Un successo che negli ultimi mesi ha di fatto rivoluzionato il quadro geopolitico marittimo regionale. E l’Italia, in uno scenario sempre più frizzante, rimane a guardare.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti