Lockdown totale, Musumeci all'Ars: "Sappiamo tutti che prima o poi arriverà" :ilSicilia.it

Le parole del governatore

Lockdown totale, Musumeci all’Ars: “Sappiamo tutti che prima o poi arriverà”

di
28 Ottobre 2020

Il Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, nel suo intervento di replica all’Ars, ha paventato lo scenario che in tanti si aspettano senza troppi giri di parole: “Sappiamo tutti che prima o poi arriveremo alla chiusura totale. Inutile fare ipocrisia”.

Il governatore è intervenuto in occasione della seduta dedicata all’emergenza pandemica, durante la quale ha illustrato il percorso che seguirà la Regione per chiedere deroghe al Dpcm del governo, con un ddl appositamente predisposto: “Il peggio arriverà, ma perché farlo arrivare prima? Se la mobilità, se il pendolarismo è il vero amico del Covid – ha aggiunto – perché impedire a un ristorante di restare aperto dopo le 18, a una famiglia di andare al teatro e al cinema. Fra qualche tempo temo che chiuderemo tutti – ha aggiunto – Roma ormai non fa molto per nascondere questa triste prospettiva“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin