11 Luglio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.49

Dal Csc di Roma un ciclo di letture per ricordare lo scrittore siciliano

L’omaggio a Pirandello per i 150 anni dalla nascita

15 Febbraio 2017

Saranno gli allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma i primi a rendere omaggio al grande drammaturgo e scrittore siciliano Luigi Pirandello per celebrarne i 150 anni dalla nascita (1867-2017) con il ciclo di letture ‘Mondo di carta’, nell’ambito delle manifestazioni organizzate dall’Istituto di Studi Pirandelliani e sul Teatro Contemporaneo di Roma.

 

libriIl primo appuntamento, che si svolgerà nella sede dell’Istituto (la casa museo di Pirandello nel quartiere nomentano, vicino villa Torlonia), è per venerdì 17 febbraio, alle 21, quando la lettura drammatizzata sarà costruita sulle novelle “Il vecchio Dio”, “Certi obblighi”, “Una giornata” e “Mondo di carta”, interpretate dagli allievi del Centro proprio di fronte alla sua scrivania e tra i suoi libri. Ospite sarà Giorgio Patrizi, docente di Storia della Letteratura Italiana all’Università del Molise. Le letture, a cura dell’attore Roberto Antonelli e di Adriano De Santis, docenti del Centro, si svolgeranno poi a cadenza mensile, con i prossimi appuntamenti previsti per il 17 marzo, il 7 aprile, il 26 maggio, il 23 giugno, il 6 ottobre, il 3 novembre e il 1 dicembre 2017.

Tag:
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

In Sicilia, terra di paradossi, anche la politica non si sottrae a questa "legge di natura". Fra i tanti, quel che colpisce è che la Lega, primo partito italiano, che le europee hanno consacrato - con oltre il 20 per cento dei voti - come seconda forza politica nell'Isola dopo il M5S, non ha alcuna rappresentanza né all'Assemblea regionale siciliana e nemmeno nel governo regionale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.