L'omicidio alla Vucciria: "Ho comprato la pistola 200 euro e mi sono andato a rovinare!" :ilSicilia.it
Palermo

LE INTERCETTAZIONI NELLA SALA DELLA QUESTURA

L’omicidio alla Vucciria: “Ho comprato la pistola 200 euro e mi sono andato a rovinare!”

di
4 Giugno 2021

“Ho comprato la pistola 200 euro da un tunisino e sono andato a rovinarmi”. E’ quanto avrebbe detto uno dei tre Romano, Giovan Battista Matteo e Domenico, in questura mentre si trovavano in attesa di essere interrogati.

Una delle tante prove che messe in fila hanno portato il gip Piergiorgio Morosini a convalidare i fermi e firmare l’ordinanza cautelare in carcere per i tre accusati dell’omicidio di Emanuele Burgio, alcuni giorni fa a Palermo Secondo la ricostruzione della squadra mobile, come si legge nell’ordinanza, i tre Romano sono arrivati a bordo di tre scooter insieme ad altre tre persone domenica notte nella zona della Vucciria.

Le immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza incastrerebbero Giovanni Battista figlio di Domenico. Il padre l’unico a rispondere al giudice avrebbe cercato di scagionare il figlio. Ma le telecamere avrebbero ripreso Giovanni Battista che tiene la pistola dietro la schiena la carica e la passa allo zio Matteo che in modo fulmineo inizia a sparare contro Emanuele Burgio. Quest’ultimo cerca di fuggire ma viene raggiunto con altri colpi di arma da fuoco. La polizia scientifica ha trovato sul selciato sia alcune macchie di sangue che un’ogiva calibro nove e tre bossoli. Da chiarire ancora il movente dell’omicidio. Domenico l’unico indagato che ha parlato ha raccontato che tutto è iniziato dopo un banale incidente.

L’auto di Burgio avrebbe colpito Giovanni Battista con lo specchietto laterale. Da qui sarebbe nata la lite con numerosi tentativi di riappacificazione andati a vuoto, fino all’omicidio. Ma i tre Romano indagati hanno parlato nella saletta della questura prima di essere interrogati e Domenico rivolgendosi a Matteo disse: “Glielo hai detto che tre anni fa ti aveva scannato a bastonate?”, e Matteo risponde: “Sì, al Calamaro”, segno questo che le liti tra i Burgio e i Romano andavano avanti da tempo e che l’incidente di quindici giorni fa è solo l’ultimo episodio di una guerra che va avanti per altri interessi. (ANSA).

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin