Londra invita Di Matteo ma gli nega la scorta e il pm rinuncia a parlare in pubblico | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Il magistrato: "decisione amara"

Londra invita Di Matteo ma gli nega la scorta e il pm rinuncia a parlare in pubblico

di
4 Maggio 2017

In Italia è protetto proprio come un Capo di Stato, ma in Inghilterra si sarebbe dovuto muovere senza scorta armata. Ed è per questo che il pm Nino Di Matteo ha rinunciato (“con grande amarezza”, afferma) a parlare a Londra di mafia e corruzione a un pubblico formato da studenti e anche docenti.

Il magistrato, scrive il Giornale di Sicilia, ha comunicato di non potere accettare l’invito del College London Italian Society, quando ormai era tutto pronto.

Il magistrato avrebbe dovuto discutere con Anna Sergi, docente di Criminologia all’Università dell’ Essex, e con Simon Taylor, direttore di Global Witness.

Le autorità britanniche, applicano rigorosamente i loro protocolli di sicurezza: non offrono protezione armata alle personalità straniere, se non si tratta di Capi di Stato e di governo o di ministri degli Esteri. Da ormai due anni e mezzo il pm ha una scorta al livello massimo di protezione, munita di un bomb jammer, una complessa apparecchiatura che consente di disattivare gli impulsi elettronici, eventualmente dettati da telecomandi che dovessero essere azionati per innescare esplosivi a distanza.

Il King’s è uno dei due college fondatori dell’University of London ed è frequentato da 21 mila tra studenti, amministratori e docenti. Di Matteo è stato nominato, il mese scorso, sostituto procuratore della Direzione nazionale antimafia. Il suo trasferimento a Roma è stato però temporaneamente bloccato dal cosiddetto posticipato possesso, un rinvio di sei mesi (a partire dalla metà di maggio) proposto dal procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin