23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.42
Palermo

Dal 28 giugno al 26 luglio

L’Orchestra Sinfonica Siciliana all’Orto Botanico: tutti gli appuntamenti

27 Giugno 2018

PALERMO – Il primo dei cinque appuntamenti, tutti di giovedì sera, messi in cartellone dall’Orchestra Sinfonica Siciliana all’interno dell’Orto Botanico, settecentesco giardino che fa parte del Polo Museale dell’Università degli Studi di Palermo, giovedì 28 vedrà sul podio a dirigere Ottavio Marino, al violino solista Lorenzo Rovati.

lorenzo rovati

Il programma della serata prevede opere di Édouard Victoire Antoine Lalo (1823-1892), Symphonie espagnole op. 21; e di Pëtr Il’ič Čajkovskij (1840-1893), Sinfonia n.5 in mi minore op.64.

Giovedì 5 luglio Giulio Plotino, nella duplice veste di direttore e solista dell’Orchestra, proporrà il seguente programma: Chopin/BrittenLe Silfidi; Paganini, Concerto per violino e orchestra n.1; Cajkovskij, Lo Schiaccianoci, suite.

Il 19 luglio, con il direttore Evgeny Bushkov, si esibirà come solista Luca Valenza (marimba), vincitore del Concorso “Crescendo” 2017; in programma BizetArlesienne suite n.1 e n. 2; Miki, Marimba Spiritual; Rimskij-KorsakovShéhérazade.

Il 26 luglio, ultimo appuntamento di questa tranches, l’Orchestra sarà diretta da Nicola Marasco, con un programma che prevede Nino Rota, Concerto per archi, Il gattopardo ballabili, 8 e ½ suite, La strada, suite dal balletto.

Tutte le serate avranno inizio alle ore 21; il costo del biglietto è di 5 euro, acquistabile al botteghino del Teatro Politeama Garibaldi e all’Orto Botanico un’ora prima del concerto. Ulteriori informazioni sul sito www.orchestrasinfonicasiciliana.it.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.