L'Orchestra Sinfonica Siciliana all'Orto Botanico: tutti gli appuntamenti :ilSicilia.it
Palermo

Dal 28 giugno al 26 luglio

L’Orchestra Sinfonica Siciliana all’Orto Botanico: tutti gli appuntamenti

di
27 Giugno 2018

PALERMO – Il primo dei cinque appuntamenti, tutti di giovedì sera, messi in cartellone dall’Orchestra Sinfonica Siciliana all’interno dell’Orto Botanico, settecentesco giardino che fa parte del Polo Museale dell’Università degli Studi di Palermo, giovedì 28 vedrà sul podio a dirigere Ottavio Marino, al violino solista Lorenzo Rovati.

lorenzo rovati

Il programma della serata prevede opere di Édouard Victoire Antoine Lalo (1823-1892), Symphonie espagnole op. 21; e di Pëtr Il’ič Čajkovskij (1840-1893), Sinfonia n.5 in mi minore op.64.

Giovedì 5 luglio Giulio Plotino, nella duplice veste di direttore e solista dell’Orchestra, proporrà il seguente programma: Chopin/BrittenLe Silfidi; Paganini, Concerto per violino e orchestra n.1; Cajkovskij, Lo Schiaccianoci, suite.

Il 19 luglio, con il direttore Evgeny Bushkov, si esibirà come solista Luca Valenza (marimba), vincitore del Concorso “Crescendo” 2017; in programma BizetArlesienne suite n.1 e n. 2; Miki, Marimba Spiritual; Rimskij-KorsakovShéhérazade.

Il 26 luglio, ultimo appuntamento di questa tranches, l’Orchestra sarà diretta da Nicola Marasco, con un programma che prevede Nino Rota, Concerto per archi, Il gattopardo ballabili, 8 e ½ suite, La strada, suite dal balletto.

Tutte le serate avranno inizio alle ore 21; il costo del biglietto è di 5 euro, acquistabile al botteghino del Teatro Politeama Garibaldi e all’Orto Botanico un’ora prima del concerto. Ulteriori informazioni sul sito www.orchestrasinfonicasiciliana.it.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.