Lorenzo Crespi: "Mi ritiro, hanno deciso di farmi morire ma la gente deve sapere tutto" :ilSicilia.it

annuncio shock dell'attore messinese

Lorenzo Crespi: “Mi ritiro, hanno deciso di farmi morire ma la gente deve sapere tutto”

di
27 Febbraio 2019

Mi ritiro per sempre dal mondo dello spettacolo, per il pubblico che ho sempre amato, a giorni scriverò una lettera tutta dedicata a voi”, “Hanno deciso di farmi morire in un letto ma la gente deve sapere tutto, voglio andarmene sereno”.  Così, torna a far discutere e a far preoccupare per le sue condizioni Lorenzo Crespi, l’attore messinese che qualche tempo fa ha raccontato al pubblico il dramma della sua malattia ai polmoni e che ha rivelato come la sua vita venne sconvolta sul set della fiction “Gente di Mare” da minacce di ‘Ndrangheta.

Ora Crespi annuncia il suo addio alle scene, e con una lunga serie di tweet riaccende l’attenzione su di lui, lanciando dure accuse. Non fa nomi ma se la prende con chi lo avrebbe boicottato e abbandonato al proprio destino.

Qualche tempo fa Lorenzo Crespi, artista siciliano che in giovane età si era conquistato il successo e la ribalta diventando un volto di punta del mondo delle fiction e del cinema italiano, ha annunciato ai suoi follower di aver deciso di non partecipare più a Domenica Live, l’unica trasmissione che gli stava dando la possibilità di raccontare i suoi problemi. Sull’attore è sceso, quindi, di nuovo un silenzio imperturbabile, adesso interrotto da cinguettii inquietanti.

“Avete detto e scritto di tutto – twitta Crespi -, sono aggressivo, svalvolato, pazzo, malato mentale e allora perché tutto questo interesse? I malati mentali non vanno ascoltati, vanno lasciati soli, emarginati per gioco, per capriccio, vero?”.

E poi un altro messaggio:Volete giocare con me? Bene, vi farò rimpiangere il giorno di aver deciso di distruggermi la vita, io morirò ma tanti di voi vivranno nella vergogna e dovranno rispondere al popolo, non più a me”.

Ed ancora si legge: “Io nella vita delle persone ho sempre portato gioia e amore. Oggi alcuni potenti hanno deciso di farmi morire in un letto a guardare il soffitto. Ma avete dimenticato una cosa. Al contrario vostro, io vengo da una strada dura e spietata, dove ho dovuto imparare a guardarmi le spalle da quando avevo 13 anni… Non morirò mai in silenzio. Avete deciso di farmi passare per quello che non sono, solo per paura. Paura della verità. Verità che a vostra insaputa ho raccolto in un grosso archivio. Con un bel memoriale consegnato al notaio ricco di foto, registrazioni audio e video. Dal 2007, dopo aver ricevuto i proiettili ho riempito la mia casa di videocamere. Anche nel bagno, perché non mi fidavo più di nessuno, ce n’è per tutti. La gente deve sapere tutto. Voglio andarmene sereno. Vi siete divertiti a distruggere tutto”.

Il profilo Twitter di Crespi è pieno messaggi, fotografie che ritraggono persone, videocassette e lettere. Momenti della sua vita e di quella carriera che ha imboccato una parabola discendente dopo averlo visto diventare attore protagonista tra i più bravi e stimati nel panorama cinematografico italiano.

Nella vita di Crespi ora c’è rabbia, delusione e dolore ma anche l’orgoglio di non darla vinta a qualcuno e qualcosa che lo angoscia. A chi si sta rivolgendo Lorenzo Crespi? Il dramma dell’attore messinese sembra celare ancora tanti misteri. Nomi e tormenti che forse proprio l’artista potrebbe presto svelare.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin