L'origine della parola 'mafia': uno studio :ilSicilia.it

la storia

L’origine della parola ‘mafia’: uno studio

di
26 Aprile 2022

Sull’origine del termine “mafia”, inquietante e sconcertante fenomeno che ha segnato pesantemente la storia siciliana, si sono accavallate ipotesi considerate più o meno attendibile sulle quali si sono, in alcuni casi, perfino sollevati polveroni polemici. Per tutte, la tesi del demologo Giuseppe Pitré confortato dallo scrittore Luigi Capuana che fa corrispondere il termine mafioso agli aggettivi bellezza o baldanza e cioè “un esagerato concetto della forza individuale, unica e sola arbitra di ogni contrasto, di ogni urto di interessi ed idee”. Bisogna anche di che accettare una tale ipotesi avrebbe come conseguenza una nobilitazione dello stesso termine. Non è un caso, dunque, che nei riguardi del Pitré si siano sollevate polemiche soprattutto da parte di quei studiosi che si sono occupati del fenomeno mafioso. Sulla questione è tornato in questi mesi, con un saggio molto puntuale, aggiungendo alle tante che sono state formulate, un’ipotesi assolutamente originale e per molti aspetti convincente, Rosario Micciché, un giovane e attento studioso di formazione giuridica, già autore di studi di diritto costituzionale, attualmente consigliere parlamentare dell’Assemblea regionale siciliana. L’ipotesi formulata dal Micciché, nel saggio dal titolo, “La storia dei termini mafia e mafioso”, che è frutto di una riflessione su quanto casualmente gli era capitato di ascoltare nel fiorito linguaggio di una borgata di Palermo, potrebbe essere la chiave giusta per stabilire, una volta e per tutte, l’origine del termine mafia che, bisogna ricordare, trova una sua prima consacrazione letteraria nella nota opera teatrale “I mafiusi della Vicaria”, composta dall’attore Giuseppe Rizzotto e dal maestro elementare Gaetano Mosca – omonimo ma non parente, quest’ultimo, del grande scienziato della politica – nel 1863, che ebbe un incredibile successo di pubblico ed innumerevoli rappresentazioni, una delle quali in un teatro di Napoli addirittura alla presenza del principe ereditario, e futuro re d’Italia, Umberto di Savoja. L’etimo, insinua Micciché, potrebbe infatti trarre origine da un modo di esprimersi dialettale in uso a Palermo e cioè sarebbe la sostantivazione dell’espressione “m’a fijù”, derivante dal verbo fidarsi, cioè confidare in sé stesso, essere capace e dotato del coraggio per affrontare situazioni perfino straordinarie. Esempi in questo senso ve ne sono tanti e Micciché ne riporta alcuni come “m’a fiju a parràrici” o “m’afiju a ìrrici” la cui traduzione in italiano corrisponde “ho il coraggio di parlargli” o, ancora, “ho il coraggio di andarci.” Una tesi suggestiva, che l’autore, con molta cautela propone, e questo gli fa sicuramente onore, giustamente in termini dubitativi ma che, tutto sommato, ci convince al punto da sperare in ulteriori approfondimenti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.