Lotta agli "zozzoni": a Messina arrivano 300 Ispettori Ambientali Volontari :ilSicilia.it
Messina

ok del Consiglio comunale al regolamento

Lotta agli “zozzoni”: a Messina arrivano 300 Ispettori Ambientali Volontari

di
20 Febbraio 2020

“Finalmente anche il Comune di Messina di potrà avvalere di una importante figura, gli Ispettori Ambientali Volontari, nell’ambito della gestione del ciclo integrato dei rifiuti e della tutela ambientale. Ringrazio i consiglieri comunali che hanno dimostrato grande senso di responsabilità rimanendo in aula per garantire il numero legale ed i consiglieri comunali che hanno votato favorevolmente alla proposta di delibera del nostro assessore Dafne Musolino”. Lo afferma, con soddisfazione, il sindaco di Messina, Cateno De Luca che così accoglie il placet dato dal Consiglio comunale all’avvio in servizio dei primi 300 ispettori ambientali che presto saranno operativi per monitorare in città che non si verifichino episodi di conferimento abusivo di spazzatura e forme di inquinamento del territorio.

Al termine di una lunga sessione di lavori d’aula, che ieri si è riunita per la quarta volta dopo i precedenti tre rinvii, sono stati discussi i 20 emendamenti che erano stati presentati sul testo originario del regolamento. L’assessore Musolino, che ha partecipato a tutte le sedute del Consiglio, ha difeso il testo proposto dall’Amministrazione e, dopo alcuni serrati confronti, ha comunque ottenuto l’approvazione del Regolamento senza alcuno stravolgimento sostanziale.

“Rammentiamo che la scorsa primavera l’Amministrazione aveva ritirato, durante il dibattito d’aula, la proposta di regolamento per l’Istituzione degli Ispettori Ambientali Comunaliha evidenziato De Luca – perché era stata fatta oggetto di alcuni emendamenti che ne stravolgevano il contenuto e che avrebbero reso inattuabile l’organizzazione del servizio di Ispettori. Ieri, dunque, il Consiglio ha approvato il Regolamento proposto dall’Amministrazione comunale senza apportarvi modifiche sostanziali, ma solo qualche piccola variazione che non altera i principi fondamentali del Regolamento”.

Il servizio di Ispettore Ambientale verrà prestato a titolo volontario e non retribuito. Per svolgere tale attività occorre prima di tutto iscriversi ad una Organizzazione di Volontariato che svolga attività di tutela ambientale e poi frequentare un Corso gratuito che verrà organizzato dall’Amministrazione, della durata di almeno 20 ore. Per l’attività svolta, spetterà un rimborso spese nei limiti previsti dalla normativa vigente (D. Lgs. 117/2017 art. 17).

I compiti dell’Ispettore Ambientale Comunale Volontario sono quelli di vigilare sul territorio per scoraggiare le condotte illecite in tema di rifiuti, di informare i cittadini, di sensibilizzare le persone al tema del rispetto ambientale e di segnalare eventuali conferimenti errati o condotte illecite in tema di rifiuti. Il Comune di Messina è pronto a dotarsi degli Ispettori Ambientali Comunali Volontari e, trascorso il tempo necessario alla pubblicazione della delibera di approvazione del regolamento e della sua esecutività, verrà organizzato il Corso di Formazione gratuito per i primi 300 Ispettori Ambientali.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Cronaca

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.