Lotta al femminicidio e alla violenza di genere: Medea premia la senatrice Papatheu :ilSicilia.it

riconoscimento alla parlamentare siciliana

Lotta al femminicidio e alla violenza di genere: Medea premia la senatrice Papatheu

di
1 Dicembre 2019

L’Associazione “Medea” ha conferito alla senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu, il “PremioMede@ 2019” per l’impegno profuso a sostegno dell’ente che si occupa della lotta alla violenza di genere. Il sodalizio nazionale protagonista nel 2018 a Taormina della firma della “Carta di Non Violenza” ha inteso premiare la parlamentare siciliana di Forza Italia per il suo impegno in “prima linea” nella lotta al femminicidio.

Papatheu, componente della Commissione parlamentare sul Femminicidio, ha promosso la “Carta di Taormina” e si è poi battuta per l’approvazione del “Codice Rosso”, ad integrazione e modifica del quale si appresta ora a presentare delle proposte di legge per rafforzare le misure a tutela delle donne.

“Con Medea – spiega Papatheu – abbiamo intrapreso un percorso di aiuto e di collaborazione. Nel luglio 2018 abbiamo dato vita insieme alla Carta di Taormina, codice etico che raggruppa le associazioni in un’ottica di reciproco sostegno per le attività a tutela delle donne vittime di femminicidio e di violenza di genere. Abbiamo costituito una rete anti-violenza fatta di associazioni di avvocati, psicologi e magistrati perché il femminicidio è un’emergenza culturale e sociale che si può sconfiggere soltanto combattendolo insieme”.

i protagonisti dell’evento

“Proprio nell’ambito di queste realtà, come Medea e le varie associazioni che operano con grande impegno e senso di sacrificio, le donne trovano quel sostegno che troppo spesso lo Stato non riesce a dargli. Sino agli Anni Ottanta l’omicidio commesso nei confronti delle donne veniva ancora giustificato come cosiddetto “delitto d’onore”, oggi sono stati fatti dei passi in avanti ma non bastano. Mi sento di dire che lo Stato ha fallito. Malgrado il “Codice Rosso” e gli interventi posti in essere dal legislatore, i dati attuali sono agghiaccianti e desolanti. Sapere che ancora adesso si compiono 88 violenze al giorno e che una donna su tre muore ci obbliga ad un forte impegno morale, ancor prima che istituzionale, per porre fine a questa mattanza. Per questo intendo presentare al più presto delle iniziative di legge che possano portare non solo al supporto psicologico per le vittime ma anche all’indipendenza economica delle donne, che è fondamentale per fare uscire alcune donne da quel silenzio che in molti casi le uccide. Molto spesso delle donne tacciono o denunciano troppo tardi, quando si arriva ad un tragico epilogo”.

“Il modello da seguire – aggiunge Papatheu – è quello del “Cardarelli” di Napoli, dove c’è il “Codice Rosa”, le donne vengono intercettate e denunciate anche quando negano di aver subito la violenza, ed in quel contesto accanto al medico c’è una psicologa che aiuta a raccogliere la denuncia della vittima. La violenza, purtroppo, è una sequenza che si ripete sino ad arrivare poi alle estreme conseguenze. Questo premio che mi è stato consegnato lo condivido con tutti coloro che, a partire da Medea, mi stanno aiutando a portare avanti questa grande lotta solidale”.

L’Associazione Medea (Mede@), ricordiamo, è un’apprezzata realtà nazionale nata per informare sui vari fenomeni di violenza e fornire una consulenza gratuita unita a un’attività di prevenzione di tali casi. Con una presenza radicata su tutto il territorio nazionale, Medea mette a disposizione delle vittime psicologi, avvocati, criminologi pronti a fornire assistenza legale e consulenze atte a valutare il livello di pericolosità degli atti violenti. Lo scopo del progetto Medea è la denuncia alla violenza.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti