Lotta all'abbandono dei rifiuti, da Canicattì proposta di legge contro gli incivili :ilSicilia.it
Agrigento

MODIFICA DEL TESTO UNICO SULL'AMBIENTE

Lotta all’abbandono dei rifiuti, da Canicattì proposta di legge contro gli incivili

di
16 Settembre 2019

Il presidente del consiglio comunale di Canicattì Alberto Tedesco e l’assessore all’ambiente Umberto Palermo propongono la loro ricetta per combattere il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti, ovvero una proposta di legge d’iniziativa popolare che modifichi il d.lgs 152/2016, ovvero il Testo Unico sull’ambiente.

La raccolta e la gestione dei rifiuti nelle nostre città, soprattutto di medie e grandi dimensioni, indipendentemente dalle forme con cui viene articolato il servizio, presenta, come è noto, gravissime criticità. – sottolineano Tedesco e Palermo – Queste problematiche, ben lungi dall’essere legate a fattori di soggettività politico-amministrative, hanno un carattere strutturale e consolidato. Tra le tante criticità la più odiosa è legata all’abbandono indiscriminato dei rifiuti esercitato da privati in strade urbane e nelle zone di campagna, dove si creano continuamente vere e proprie discariche a cielo aperto. Questo fenomeno, che causa pesantissimi danni all’ambiente ed alla salute e che determina gravi effetti per le già esangui casse degli enti locali, risulta essere di difficile repressione“.

Ed allora le Istituzioni devono orientare la propria azione ad una più pervasiva opera di educazione civica tra la popolazione, intervento che necessita di un forte investimento economico da parte dello Stato centrale e della Regione siciliana, a cui occorre affiancare un accentuato carattere repressivo della norma che punisce l’abbandono di rifiuti da parte del privato. – dichiarano i due membri del consiglio comunale di Canicattì – La normativa che di riferimento e che disciplina tale fattispecie è contenuta nel D.Lgs. n. 152 del 2016 (Testo Unico Ambiente). Allo stato attuale, secondo il testo vigente, se a compiere la condotta di abbandono di indiscriminato di rifiuti è un privato, allora si configura un illecito amministrativo, che viene punito con una sanzione amministrativa (articolo 255, comma 1, Dlgs 152/2006); se si tratta di un soggetto qualificato (titolare di imprese o responsabile di enti) la sanzione è, invece, di natura penale (articolo 256, comma 2).

“E’ evidente che l’attuale configurazione della condotta del privato come illecito amministrativo, oltre a non caratterizzare adeguatamente il disvalore di tali condotte, determina delle refluenze anche sulle modalità di repressione delle stesse. Riteniamo, quindi, sia necessario accentuare il carattere di deterrenza della condotta del privato che abbandoni rifiuti sulla pubblica via facendo in modo che tale condotta non sia più configurata come illecito amministrativo ma come reato penale, attraverso la modifica dell’art. 255 del testo unico dell’ambiente, D.Lgs n. 152 del 2006“.

A tal fine abbiamo elaborato una proposta di legge che, modificando il Testo Unico in materia Ambientale, statuisca che i soggetti che compiono questi atti scellerati siano colpiti duramente e sottoposti alla pena dell’arresto o ad una pesantissima ammenda fino a 20.000 euro nel caso si tratti di rifiuti pericolosi. La mettiamo a disposizione di tutte le forze politiche e dei gruppi parlamentari che ne condividano lo spirito e le motivazioni perché se ne facciano carico e se ne discuta in Parlamento, affinché il maglio della legge possa colpire duramente gli incivili che stanno deturpando la nostra bellissima terra“, concludono Tedesco e Palermo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.