Lotta, il sogno europeo del siciliano Salvatore Polito :ilSicilia.it
Palermo

Da Campofelice di Roccella per rappresentare i colori azzurri

Lotta, il sogno europeo del siciliano Salvatore Polito

17 Giugno 2019

Dal piccolo centro di Campofelice di Roccella, in provincia di Palermo, al campionato europeo under 17. È iniziata lunedì scorso l’avventura di Salvatore Polito, convocato dalla nazionale italiana a Faenza dal 17 al 23 giugno. Il giovane atleta imerese vestirà la maglia azzurra nella più importante competizione continentale e cercherà di scalare la classifica con l’ obbiettivo di arrivare in zona medaglia.

Gli incontri della sua categoria, i 110 chilogrammi, si disputeranno il 21 e il 22. Salvatore è già in raduno nazionale a Faenza da lunedì scorso per perfezionare la preparazione insieme ai tecnici e ai compagni di nazionale. Questa convocazione non è di certo casuale visto che Salvatore quest’anno ha vinto il titolo italiano under 17 surclassando tutti gli avversari per superiorità tecnica, abbondantemente sotto il minuto, e mostrando un bagaglio tecnico non indifferente.

Sempre quest’anno ha conquistato la medaglia d’argento ai campionati italiani juniores under 21, a soli 16 anni. Risultati che di certo non potevano lasciare indifferenti i vertici nazionali. Insieme a Salvatore Polito sono partiti anche altri due atleti termitani, anche loro titolari delle proprie categorie: Paolo Lumia e Noemi D’angelo.

L’organizzazione dei campionati europei è stata affidata al Faenza lotta (club atletico 1919 ), una delle società più antiche e blasonate d’Italia. La manifestazione si svolgerà al PalaCattani e vedrà la partecipazione di oltre 500 atleti provenienti da 37 nazioni. La voce che commenterà questi questi campionati europei sarà quella del grande Maurizio Casarola, giornalista e lottatore, che parlerà, racconterà e scriverà le gesta di questi straordinari atleti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.