20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 07.27

nella notte italiana

Luca Parmitano é arrivato sulla Stazione Spaziale Internazionale

21 Luglio 2019

E’ arrivato nella notte italiana alla Stazione spaziale l’astronauta italiano Luca Parmitano a bordo della Soyuz MS-13. L’astronauta Luca Parmitano, si legge sul sito dell’Esa, é arrivato sulla Stazione Spaziale Internazionale dopo un viaggio di sei ore a bordo della navicella spaziale russa Soyuz MS-13 insieme ai compagni di equipaggio, l’astronauta della Nasa Andrew Morgan ed il cosmonauta Alexander Skvortsov di Roscosmos.

Il loro arrivo segna l’inizio della Spedizione 60 e la seconda missione sulla Stazione Spaziale Internazionale per Luca, denominata ‘Beyond‘.

Il trio è stato lanciato dal cosmodromo di Baikonur alle 18:28 CEST (ora italiana) del 20 luglio 2019 ed ha attraccato alla stazione alle 00:48 CEST del 21 luglio.

Dopo l’attracco, l’equipaggio ha eseguito accurati controlli dei sigilli prima di essere accolto a bordo dagli astronauti della Nasa Christina Koch e Nick Hague, e dal cosmonauta russo ed attuale comandante della Stazione Spaziale Alexei Ovchinin, quando il portello della Soyuz è stato aperto alle 03:04 CEST del 21 luglio.

Nei prossimi sei mesi, Luca eseguirà oltre 50 esperimenti europei e 200 esperimenti internazionali. Questi includono investigazioni su come aspetti del corpo umano sono influenzati dalla microgravità e come gli astronauti potrebbero controllare robot da remoto durante una esplorazione lunare. Quando Alexei Ovchinin lascerà la Stazione Spaziale al termine della Spedizione 60, l’astronauta dell’Esa Luca Parmitano assumerà il ruolo di comandante della Stazione per la Spedizione 61.

Questa é la terza volta che un astronauta europeo, e la prima per un astronauta ESA di nazionalità italiana, ricopre questa posizione. Luca sarà il terzo, dopo gli astronauti ESA Frank De Winne (2009) e Alexander Gerst (2018), quando prenderà il comando a fine anno.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.