Luca Scatà, il poliziotto siciliano è l'eroe che ha fermato il terrorista | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il filo invisibile che unisce la strage di Berlino alla Sicilia

Luca Scatà, il poliziotto siciliano è l’eroe che ha fermato il terrorista

di
23 Dicembre 2016

luca-scataTutto è iniziato in Sicilia, tutto finisce in Sicilia. Anis Amir è sbarcato a Lampedusa con l’ondata che travolgerà l’Italia e scatenerà la prima grande crisi di migranti a partire dall’estate del 2011. Una sorta di esodo del terzo millennio che aprirà le porte dell’Europa a migliaia di disperati ma anche a diversi criminali. Poi il carcere, anzi, le carceri, che avrebbero completato il suo percorso di radicalizzazione islamica. La fuga in Germania e l’attacco a Charlottensburg, con la strage al mercatino di Natale. La sua folle corse è stata fermata questa notte a Sesto San Giovanni.  Amir, l’attentatore di Berlino è stato fermato ed ucciso dal poliziotto siciliano Luca Scatà. Amis Amri ha sparato per primo e ferito il collega di Scatà, Cristian Movio. Scatà ha reagito e freddato il terrorista. Alla fine dello scontro a fuoco l’agente non sapeva di avere messo fine alla fuga del ricercato numero 1 in Europa. Ha chiamato casa ed ha avvertito i parenti che stava bene. Scatà è nato a Canicattini, in provincia di Siracusa, e secondo le prime ricostruzione si sarebbe trovato alla guida della pattuglia a Sesto San Giovanni. L’agente che ha sparato all’attentatore di Berlino, ha studiato al liceo del suo paese, poi dopo due anni di Ingegneria Informatica a Catania, nel 2011 ha fatto un anno di servizio volontario nell’Esercito. Successivamente ha superato il concorso in polizia e attendeva l’assegnazione definitiva. Il padre, Giuseppe, è dipendente comunale, la madre casalinga e ha una sorella di 26 anni, laureata in Psicologia. Il papà dell’agente ha tirato un sospiro di sollievo alla fine del blitz:“Ringrazio Dio che sia vivo. Luca è un ragazzo coraggioso e ha fatto il suo dovere. Quando l’abbiamo sentito al telefono stamattina presto – racconta – non sapeva ancora che il ragazzo morto fosse l’attentatore“.  Il profilo di facebook di Luca Scatà è tempestato da ringraziamenti tanto da fare andare in tilt l’account che ora è temporaneamente bloccato al pubblico.

Il collega di Scatà, Christian Movio è stato sottoposto ad un intervento chirurgico per estrarre il proiettile sparato dal terrorista di Berlino, Anis Amri, che lo ha colpito alla spalla destra. Movio, di 36 anni, di Latisana (Udine), è ricoverato al San Gerardo di Monza ed è operato dall’equipe del professor Zatti.  Sui fatti accaduti questa notte, la Procura di Monza ha aperto un fascicolo di indagine. Toccherà agli uffici diretti dal procuratore Luisa Zanetti occuparsi della sparatoria che ha portato alla morte di Anis Amri, il tunisino sospettato di essere l’autore della strage di Berlino. Il tunisino è stato infatti colpito a morte a Sesto San Giovanni, territorio di competenze dai pm monzesi. Della ragione per la quale l’uomo si trovasse a Sesto si occuperà invece l’anti terrorismo di Milano.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per