20 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.55
Trapani

Domenica 19 agosto

Luglio Musicale Trapanese: nuovo appuntamento con l’opera “Aida” di Verdi

18 Agosto 2018

Continua la 70ª stagione lirica dell’Ente Luglio Musicale Trapanese con un nuovo appuntamento domenica 19 agosto, alle ore 21, al Teatro “Giuseppe Di Stefano”, a Trapani, con l’opera “Aida” di Giuseppe Verdi, andata in scena nei mesi scorsi in Tunisia all’Anfiteatro Romano di El Jem e all’Anfiteatro di Cartagine.

Adesso la macchina organizzativa del Luglio Musicale, che sta ottenendo un grande successo di pubblico e critica, si appresta a vivere un momento di grande valore artistico all’insegna della qualità.

Partner di alto profilo, per questo progetto di cooperazione culturale transfrontaliera che ha visto il Luglio Musicale collaborare con l’Ambasciata d’Italia e l’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi, il Ministero degli Affari Culturali della Tunisia, il Festival International de Carthage, il Théâtre de l’Opéra de Tunis, il Festival International de Musique Synfonique d’El Jem, l’Orchestre Symphonique Tunisien, l’Orchestre de l’Opera de Tunis, il Choeur de l’Opera de Tunis, il Ballet de Tunis.

Cantanti e musicisti di grandissimo livello, italiani e tunisini, una scenografia spettacolare, una grande orchestra, diretta dal M° Stefano Romani, un coro preparato dal Maestro Fabio Modica e un corpo di ballo diretto da Cinzia Sità sono alla base dell’ennesima importante proposta artistica dell’Ente.

La regia di Aida è firmata Raffaele di Florio, le scene e i costumi di Lucia Imperato sono pronte per incastonarsi, dopo la Tunisia, anche nello scenario trapanese.

Una produzione, che profuma di Mediterraneo e che trasporterà il pubblico nella storia amorosa tra Aida, principessa etiope caduta in schiavitù, e Radames, ufficiale egiziano.

Un affresco armonico di colori e sonorità con un importante cast: Aida, Maite Alberola (soprano); Amneris, Daniela Diakova (mezzo-soprano); Radames, Dario Prola (tenore); Ramfis, Andrea Comelli (basso); il Re d’Egitto, Enrico Rinaldo (basso); Amonasro, Giuseppe Garra (baritono); la grande Sacerdotessa, Luciana Pansa (soprano); il Messaggero, Giuseppe Infantino (tenore).

Coro, orchestra e corpo di ballo sono dell’Ente Luglio Musicale Trapanese.

Costo biglietti: da 40 a 10 euro.

Sarà possibile acquistare i biglietti al botteghino dell’Ente Luglio Musicale Trapanese, sito in viale Regina Margherita, 1 (all’interno della Villa Margherita) dal lunedì al sabato, dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 17 alle ore 21.  Sarà possibile acquistare i biglietti anche online sul sito www.lugliomusicale.it o nella sede dell’evento a partire da un’ora prima dell’inizio dello spettacolo.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.