Lui e Noi :ilSicilia.it

Non ci sono più gli scavi di una volta

Lui e Noi

di
19 Novembre 2021

Carissimi, tutto quello che vi inventerete per migliorare la qualità della vita della collettività passerà necessariamente da “Lui” che attraverso il suo ego è in grado di condizionare la vita di tutti.
“Lui” è colui che quando hai realizzato le piste ciclabili ed hai ristretto la carreggiata permettendo di posteggiare lungo i due lati della strada, sente la necessità di posteggiare in doppia fila creando un ingorgo perché non ha tempo di andare a cercare un posteggio come tutti, non vuole pagare la zona blu o non vuole utilizzare un parcheggio ad ore seppur offerto gratuitamente dal negozio dove ha deciso di recarsi.
Perché?
Perché è “Lui” e questo dovrebbe bastare a tutti, c’è bisogno di aggiungere ulteriori parole?
Cosa volete che succeda se il mondo è costretto a farsi sequestrare in un ingorgo? Cosa volete che cambi nella sua vita se gli altri saranno costretti ad utilizzare il clacson infastidendolo o peggio ancora lasciandolo nella grande indifferenza, cosa volete che gli possa interessare se un autobus di linea non riesca a passare, vuoi mettere la comodità di “Lui” in confronto alle esigenze degli altri?
Ma come può permettersi costui di fare il “Lui” senza che nessuno lo sanzioni?
“I Vigili, la Polizia, I Carabinieri, i Finanzieri”, tutti coloro che hanno una paletta, dove sono?
Mistero!

Più le zone sono popolari, più “Lui” è presente e nessuno si permette di rimproverarlo se non un altro “Lui” della stessa zona e li “va finisci a schifiu” come si dice dalle nostre parti e sedare una rissa di quel genere non è cosa semplice, se non dopo l’arrivo, questa volta si, delle forze dell’ordine.
Ma i vigili dove sono? ……..”Carenza di organico!

Ci sono ma non si vedono più perché grazie alle telecamere ed allo “street-wiev” oggi il vigle passa con la macchina e ti fa una fotografia, nella peggiore delle ipotesi se passa con la macchina e con la moto ti prende la multa con un dispositivo elettronico in un istante e ti lascia una strisciata nel parabrezza togliendoti la soddisfazione del tempo della discussione e delle scuse.

Il problema sta nel fatto che molti la scambiano per una notifica di una raccomandata ad utente assente, poi ti avvicini e leggi meglio e allora “butti giù i santi” due volte, la prima quando pensi che la raccomandata te la devi andare a ritirare chi sa in quale sportello postale, la seconda quando ti rendi conto che non era una raccomandata ma una multa, ma che volete del resto come diceva Ferribotte, “siamo nel progresso”.
Sono da sempre stato convinto che essendo un contribuente regolare dovrei meritarmi, ancor prima di pretenderlo, i servizi per la collettività, le strade asfaltate con un tappetino di usura uniforme e regolare e ben illuminate.
Si, mi dirà qualche nemico della contentezza, “perché le strade sono piene di buche, le strade sono buie con tutti questi operatori delle municipalizzate e tutti i mezzi che si vedono per strada?
Ma dove sono tutti questi operai della pubblica amministrazione che incontro nel traffico o negli uffici?
Ma come mai? E tutta questa gente con le tute e le divise delle municipalizzate o società partecipate che incontro nel traffico, che mi dici?
Ma c’entra, quello è il merchandising.

Non sono operai, è gente che compra le divise e le magliette che la pubblica amministrazione, così come avviene per le magliette delle squadre di calcio. Chi le compra vuole tenere memoria di una grande prestazione, tipo l’apertura di una nuova strada.
Ormai non ci sono più operai di una volta, anzi non ci sono più gli operai, così come non ci sono più tecnici e quelli che c’erano per vecchiaia sono andati in pensione, mentre quelli che sono rimasti andranno in pensione con quota 120, cioè passando dall’ufficio direttamente al campo santo con grande gioia per l’INPS.
Non ci sono più gli scavi di una volta, non ci sono più i ripristini del manto stradale di una volta e ve lo dice uno che è cresciuto giocando a pallone su queste strade, che è caduto si è graffiato e si è rialzato.

Ai tempi si poteva giocare a biliardo sulle nostre strade e traverse cittadine, i marciapiedi erano fatti per camminarci e cerano le squadre di operai che rifacevano il battuto cementizio disegnando i quadroni e mettendo la data sul cemento e oggi?
E’ tutta colpa della Fornero?
Non mi fate parlare, un abbraccio

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin