19 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.35
Palermo

Ricorrono i 150 anni dalla nascita

Luigi Pirandello e il suo essere continuo viandante nell’analisi di Aurelio Pes [Video intervista]

27 Giugno 2017

In occasione della ricorrenza della nascita di Luigi Pirandello,  uno dei personaggi più emblematici del panorama culturale della Sicilia, abbiamo incontrato Aurelio Pes, drammaturgo, per approfondire alcuni aspetti dell’autore.

Scrittore, poeta, drammaturgo di fama mondiale Pirandello fu un autore prolifico che passò dall’incapacità di comunicare con gli adulti da adolescente, così come dichiarò lui stesso, all’affinamento dell’uso della parola.

Non mancarono momenti difficili nella vita dell’autore, dalla malattia della moglie che lo portò alla stesura de “Il fu Mattia Pascal“, alla guerra, al crollo finanziario che colpi i beni di famiglia.

Tutte esperienze che lo spinsero ad acuire lo sguardo sulle dinamiche umani e sociali, approfondendo alcuni aspetti delle teorie dello psicologo Alfred Binet sulla pluralità dell’ io.

Pirandello ricevette anche un riconoscimento internazionale, il premio Nobel, “per il suo audace e ingegnoso rilancio dell’arte drammatica e scenica“, premio che accolse con distacco, non proferendo nessun discorso durante la premiazione.

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.