Luigi Pirandello e il suo essere continuo viandante nell'analisi di Aurelio Pes [VIDEO] :ilSicilia.it
Palermo

Ricorrono i 150 anni dalla nascita

Luigi Pirandello e il suo essere continuo viandante nell’analisi di Aurelio Pes [Video intervista]

di
27 Giugno 2017

In occasione della ricorrenza della nascita di Luigi Pirandello,  uno dei personaggi più emblematici del panorama culturale della Sicilia, abbiamo incontrato Aurelio Pes, drammaturgo, per approfondire alcuni aspetti dell’autore.

Scrittore, poeta, drammaturgo di fama mondiale Pirandello fu un autore prolifico che passò dall’incapacità di comunicare con gli adulti da adolescente, così come dichiarò lui stesso, all’affinamento dell’uso della parola.

Non mancarono momenti difficili nella vita dell’autore, dalla malattia della moglie che lo portò alla stesura de “Il fu Mattia Pascal“, alla guerra, al crollo finanziario che colpi i beni di famiglia.

Tutte esperienze che lo spinsero ad acuire lo sguardo sulle dinamiche umani e sociali, approfondendo alcuni aspetti delle teorie dello psicologo Alfred Binet sulla pluralità dell’ io.

Pirandello ricevette anche un riconoscimento internazionale, il premio Nobel, “per il suo audace e ingegnoso rilancio dell’arte drammatica e scenica“, premio che accolse con distacco, non proferendo nessun discorso durante la premiazione.

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.