L'ultima "tentazione" dei vigili urbani per fare cassa. Multare i "Segway" :ilSicilia.it
Palermo

Ai sensi del codice della strada il Segway non poteva entrare nell'area pedonale

L’ultima “tentazione” dei vigili urbani di Palermo. Multare i “Segway”

di
7 Aprile 2017

Segway Tour Palermo [Foto Tripadvisor]
Segway Tour Palermo [Foto Tripadvisor]
Circolava a bordo di un Segway (monopattino elettrico a due ruote) nell’area pedonale di via Maqueda, nel centro di Palermo. Per questo è stato multato dagli agenti della polizia municipale. Gli agenti del nucleo addetto alla vigilanza del trasporto pubblico hanno comminato la sanzione ad  L.B. di 61 anni, ai sensi dell’art. 190 del Codice della Strada che espressamente “vieta la circolazione mediante tavole a rotelle, pattini, o altri acceleratori di andatura sulla carreggiata stradale e sugli spazi pedonali, onde evitare una situazione di pericolo per gli altri utenti, conducenti di veicoli o pedoni”.

Non è uno scherzo, accade realmente a Palermo. Città che convive da sempre con la piaga del traffico. Questa è l’ultima “perla” contro i turisti ecologici. Il tutto, mentre – neanche a dirlo – in città continuano imperterrite le doppie file in corso Finocchiaro Aprile ridotto a un imbuto vergognoso, le bancarelle abusive di via Volturno, il “mercato del rubato” ogni domenica mattina a Ballarò, il traffico di cardellini alla luce del giorno, i posteggiatori abusivi a ogni piazza della città, le auto in sosta selvaggia al Policlinico e nei pressi dello Stadio a ogni partita, gli atti vandalici nei moderni sovrappassi di viale Regione Siciliana (dotati di telecamere che nessuno evidentemente controlla) e molto altro.

L’elenco degli abusi è infinito. Eppure da via Dogali, si preoccupano di sanzionare un innocuo veicolo ecologico, magari adoperato da qualche turista per visitare la splendida via Maqueda. È vero, la strada è pedonale. Ma non si vede grande differenza tra una bicicletta e un segway. Entrambi vanno alle stesse velocità e quindi il “potenziale pericolo”, semmai ci sia un pericolo, per i pedoni è identico. La differenza è che le bici possono regolarmente circolare e ammesse dal codice della strada.

Segway Tour Palermo [Foto dal web]
Segway Tour Palermo [Foto dal web]
“Qualche ditta costruttrice dà per scontata la circolazione su strada, rifacendosi a circolari ministeriali, in realtà mai emanate – dice il vice comandate Luigi Galatioto  la Motorizzazione sta esaminando la problematica ma al momento i Segwai possono circolare solo su strade private e non soggette a pubblico passaggio, a pena di possibile sanzione.”

“Al di là della sanzione – aggiunge il comandante Vincenzo Messina crediamo sia corretto dare a tutti i cittadini una informazione puntale e precisa circa la possibilità di questi ed altri strumenti, che a volte non sono adeguatamente informati dai venditori”.

Perché attaccarsi a cavilli ed essere troppo fiscali con questi moderni mezzi ecologici, quando mezza città soffre per problemi maggiori? E intanto, tanti automobilisti indisciplinati continuano a farla franca, diversi giovani subiscono minacce la sera quando escono per la movida, non appena (ed è capitato in diverse occasioni) la richiesta del solito caffè da parte del solito posteggiatore, si tramuta in violenza o vandalismo.

Sicuramente, multare i Segway è un modo facile per fare cassa, “approfittando” così di un vuoto normativo.

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.