“L’umano gioco”, al Museo Riso di Palermo il virtual tour dell'artista Ziganoi | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

la mostra online

“L’umano gioco”, al Museo Riso di Palermo il virtual tour dell’artista Ziganoi | FOTO

di
29 Dicembre 2020

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Dal 28 dicembre 2020 il Museo Riso di Palermo dedicato all’arte contemporanea, accoglie virtualmente la mostra dell’artista Ziganoi “L’umano gioco” (www.ziganoi.it). Un virtual tour di attuale concezione consentirà on-line, di scoprire il suggestivo cosmo artistico dell’artista.

La forma digitale della mostra, originariamente programmata per il 18 dicembre, si è resa necessaria a causa del Covid 19 per fronteggiare le restrizioni del nuovo dpcm. Stiamo di fatto vivendo un secondo lockdown, e il mondo della cultura e dei musei è stato costretto a sospendere ogni tipo di evento in presenza e di apertura al pubblico. Ci si potrà comunque immergere nell’allestimento di Enzo Venezia direttamente da casa.

Partner dell’evento è Intesa Sanpaolo che da molti anni sostiene e organizza attività culturali nel campo dell’arte, della musica e dell’innovazione.

La mostra e il catalogo sono a cura di Aldo Gerbino che firma anche i contributi testuali del sito web, riportando una citazione del futurista siciliano Guglielmo Jannelli, uno dei ‘paroliberisti’ marinettiani e che vede “nel furor creativo dell’artista agrigentino il cromodinamismo dell’astrazione gestaltica”. In esposizione 85 opere che sono il lavoro di circa due anni, opere di varie dimensioni dipinte su supporti che vanno dalla tradizionale tela alla juta, dalla carta alla tavola, senza titoli ma identificabili con una cifra. “Ho scelto dei codici anziché delle parole per intitolarle perché i numeri sono come il gioco della roulette, il caso, l’umano gioco”.

In un mondo che si sgretola il lavoro di Ziganoi è dettato da un’innovativa e dinamica tecnica gestuale, e cela un messaggio di concordia tra l’Oriente e l’Occidente, il Sud e il Nord. Un dualismo nell’unità come quello di due tele legate da un tratto inconsueto, rapido e sintetico. Il colore è il protagonista assoluto delle sue pitture, le pervade una trama di rimandi a un mondo interiore, un’arte astratta che affida alle diverse cromie deflagranti la narrazione e la trasmissione di sensi e significati.

La struttura segnica di Ziganoi crea – secondo Aldo Gerbino – “un personale linguaggio posto al servizio d’una ricorrente immagine poetica” dove articolati intrecci di personaggi raffigurati come corpi geometrici si affollano come simbolismi della psiche e s0’inseguono senza mai incontrarsi nella parte cinica dell’umano gioco.

INFO
Mostra online e virtual tour: www.ziganoi.it/lumanogioco
Partner: Intesa Sanpaolo
Curatela Mostra: Aldo Gerbino
Allestimento: Enzo Venezia
Organizzazione generale, Progetto grafico, Comunicazione, Mostra virtuale:
IdeAd srl
Ufficio stampa: Giovanna Cirino tessera ODG 065062 – tel. +39. 3392030137
Riproduzioni fotografiche: Luca Savettiere

Note sull’artista

Ziganoi è uno pseudonimo. Nasce sulle sponde del Mediterraneo, classe ’59 e vive a Palermo. Per diversi anni ha lavorato nel mondo della ricerca presso l’Università di Palermo. Oggi dirige l’area ricerca&innovazione di Arpa Sicilia. La pittura è la sua “ricreazione”, la sua pausa dal quotidiano. Un gioco che nasce primitivo tre metri sotto terra in un garage senza spazi ispirativi ma con occhi colmi di immagini. E così un chiuso sotterraneo diventa l’accesso all’infinito e luminoso mondo della creatività. L’esperienza dell’artista Ziganoi si è sviluppata, nel corso di tre decenni, in ambiti diversi, definendo un profilo certamente eclettico, in grado di misurarsi con “possibilità” abitualmente viste come differenti, ma da lui vissuti come equivalenti. L’Arte di Ziganoi è Ziganoi, un continuum tra essere e arte, un logos ossimoro nel quale l’identità dell’uomo convive con l’umanesimo dell’artista in una pluralità di punti di vista. Se i suoi esordi di pittore si collocavano in un sapiente erotismo raffigurativo, in cui le figure femminili e la natura predomina- no, dense di emotività, ora la sua produzione si muove nell’ottica del recupero di una dimensione più essenziale in cui il protagonista è il Colore.

Personali di Ziganoi

Centro Culturale Biotos via XII Gennaio 2 – Palermo
28 marzo – 6 aprile 2008.
LA MENTE E LE IMMAGINI (a cura di Laura Francesca Di Trapani).

Kursaal Kalhesa Foro Umberto I° – Palermo
17 giugno al 30 giugno 2009.
IL LABIRINTO DELL’IDENTITà (a cura di Arianna Biondo).

Museo Civico B. Romano di Termini Imerese
30 Giugno-15 Luglio 2011.
EQUILIBRIO ELASTICO (a cura di Francesca Spataro).

Orto Botanico di Palermo
22 – 30 dicembre 2011.
ARTE DEL GUSTO (a cura di Salvo Butera).

Galleria L’ARTE DI BOBE’- via Quintino Sella, 65 – Palermo
5 febbraio 5 marzo 2011.
ZIGANOI (a cura di Laura Boscia).

Fiera Internazionale di Verona Vinitaly 2013 Sala Stampa del Padiglione Sicilia
7 – 10 Aprile 2013.
ARTEVINOZIGANOI – L’arte ambasciatrice del vino (a cura di Sofia Agata Tabis)
.
Sicilia En Primeur 2013 – Banca Nuova Sede Palermo – 27 Aprile 2013
Albergo Borsa – 28 Aprile 2013.
ARTEVINOZIGANOI (a cura di Sofia Agata Tabis).

Città Europea del Vino Marsala 2013 – Complesso Monumentale San Pietro
20-21 giugno 2013.
ARTEVINOZIGANOI – L’arte ambasciatrice del vino (a cura di Sofia Agata Tabis).

Città Europea del Vino Marsala 2013 – Enoteca Comunale
22 giugno – 27 luglio 2013.
ARTEVINOZIGANOI – L’arte ambasciatrice del vino (a cura di Sofia Agata Tabis

San Siorgio dei Genovesi Palermo – 2a Edizione Santa Lucia – La Notte della Luce – Palermo 11-14 dicembre 2013.
Esposizione di tre insallazioni di ARTEVINOZIGANOI (a cura di Salvo Butera).

BOBERZ ARTE via Isidoro La Lumia 22 Palermo
14 febbraio 15 marzo 2014
ZIGANOI DUEZERO14 (a cura di Laura Francesca Di Trapani).

NAtional history museum tirana via Isidoro La Lumia 22 Palermo
22 giugno 2018
PAINTING PEOPLES – NUDE AND CRUDE (a cura di Beli Cafi Kraja).

il museo Riso

Museo regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo, ospitato all’interno del settecentesco Palazzo Belmonte Riso, poco distante dalla Cattedrale. Il Museo promuove, sostiene e diffonde l’arte contemporanea in Sicilia con la sua collezione permanente e la sua intensa attività espositiva. L’Istituto museale comprende anche il Museo d’Aumale di Terrasini, con la collezione archeologica, naturalistica ed etnoantropologica, il Real Albergo dei Poveri, il sito Castello Medievale di Caccamo e la collezione Osservatorio Paleontologico (presso il Museo Gemmellaro di Palermo). Attento al territorio e al dialogo tra linguaggi e discipline differenti, il Museo collabora con enti e istituzioni nazionali e internazionali per allargare sempre più gli orizzonti della sua azione di interpretazione del presente e della cultura contemporanea
Indirizzo: Corso Vittorio Emanuele, 365, 90134 Palermo
Telefono: 091 587717

Intesa Sanpaolo

Intesa Sanpaolo è la principale Banca in Italia e una delle più solide e profittevoli banche europee. Il Progetto Cultura, contenitore strategico delle attività culturali della Banca avviato nel 2011, con le importanti raccolte artistiche e con il sistema museale delle Gallerie d’Italia, esprime l’impegno per la promozione dell’arte e della cultura nel nostro Paese. Per questo motivo il Gruppo collabora con le principali istituzioni mondiali, rinnovando e rafforzando così una tradizione delle banche italiane che risale al Rinascimento e che le vede diffondere il valore, l’identità, la bellezza artistica dell’Italia. Tra le mostre di più grande valore artistico e richiamo che sono state promosse e organizzate: New York, New York. Arte Italiana. La riscoperta dell’America, Le mille luci di New York, Basquiat, Clemente, Haring, Schnabel, Warhol, Bellotto e Canaletto lo stupore della luce, Canova | Thorvaldsen. La nascita della scultura moderna. Infine dal 1989 il programma Restituzioni, con cui la Banca cura e sostiene il restauro di opere del patrimonio italiano individuate in collaborazione con gli organismi ministeriali di tutela, ha consentito la “restituzione” alla comunità di oltre 1.500 capolavori.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin