L'Università di Palermo ottiene 10 milioni di euro per la ricerca :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

il progetto "InRadChir"

L’Università di Palermo ottiene 10 milioni di euro per la ricerca

di
13 Marzo 2021

L’Università degli Studi di Palermo ottiene un finanziamento di 10 milioni di euro che saranno destinati allo sviluppo di nuovi protocolli diagnostici e terapeutici. Un progetto denominato con l’acronimo InRadChir, dalle parole chiave che caratterizzeranno le linee di ricerca: innovazione in radioterapia e chirurgia mininvasiva.

Il finanziamento dell’intero progetto ammonta ad oltre 27 milioni di euro (con un cofinanziamento della Regione Siciliana per oltre 800mila euro) con la somma più rilevante all’Università degli Studi di Palermo, sotto la responsabilità scientifica del progetto del Prof. Massimo Midiri, direttore della U.O.C. di Diagnostica per Immagini del Policlinico universitario di Palermo. La somma restante verrà ripartita tra la Fondazione Giglio di Cefalù, la società GesanCom s.r.l., il Consiglio Nazionale delle Ricerche, i laboratori nazionali del sud (LNS) e la sezione di Catania dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN).

Un grande successo per l’ateneo palermitano, che ancora una volta si pone come avanguardia nella ricerca in Italia, grazie anche al coinvolgimento di gruppi di ricerca di altissimo profilo scientifico e professionale afferenti ai Dipartimenti Universitari di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche (DICHIRONS), di Fisica e Chimica (DIFIC) e di Biomedicina, Neuroscienze e Diagnostica Avanzata (BiND).

Prof. Massimo Midiri
Prof. Massimo Midiri

“Questo progetto – dichiara il Prof. Massimo Midiri – è il frutto di una estrema sensibilità dei colleghi coinvolti nei confronti della ricerca, vero motore di un Ateneo ed è inoltre il risultato di un’attenta pianificazione delle attività e degli investimenti delle risorse che ad oggi sono spesso di difficile reperibilità e troppo spesso non correttamente impegnate per la finalizzazione di virtuose linee progettuali. Il progetto prevede inoltre di investigare e validare tecniche chirurgiche mini-invasive su distretti ad alto impatto sulla qualità di vita del paziente, quali la mammella ed il cavo orale. Inoltre la costituzione di una squadra con competenze trasversali, vedrà medici affiancati ad informatici e fisici e consentirà – continua il Prof. Midiri – di portare avanti linee di ricerca (di base e applicata) per lo sviluppo di innovative tecniche di elaborazione ed analisi di immagini e test medicali. Sfruttando tecniche di radiomica ed intelligenza artificiale sarà infatti possibile estrarre dati quantitativi dalle immagini di comuni esami radiologici e di laboratorio a supporto di diagnosi sempre più precoci grazie all’identificazione di specifici biomarcatori, utili inoltre per ottimizzare la valutazione della risposta a terapia oltre che nella pianificazione terapeutica stessa.

Grazie a questo progetto – conclude il Prof Massimo Midiri – riusciremo ad estendere i campi di applicazione della terapia non invasiva che fa uso di ultrasuoni focalizzati guidati da Risonanza Magnetica (MRgFUS o FUS) e che ci vede protagonisti nel territorio nazionale ed internazionale ormai da diversi anni, al trattamento del carcinoma prostatico, dei fibromi uterini, delle metastasi ossee dolorose e dei tumori ossei primitivi quali l’osteoma osteoide. Avvieremo inoltre i primi studi sul territorio nazionale per l’applicazione di questa innovativa tecnologia al trattamento di malattie neurordegenerative come l’Alzheimer e dei tumori cerebrali primitivi più aggressivi quali il glioblastoma”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco