L'Università di Palermo ottiene 10 milioni di euro per la ricerca :ilSicilia.it
Palermo

il progetto "InRadChir"

L’Università di Palermo ottiene 10 milioni di euro per la ricerca

di
13 Marzo 2021

L’Università degli Studi di Palermo ottiene un finanziamento di 10 milioni di euro che saranno destinati allo sviluppo di nuovi protocolli diagnostici e terapeutici. Un progetto denominato con l’acronimo InRadChir, dalle parole chiave che caratterizzeranno le linee di ricerca: innovazione in radioterapia e chirurgia mininvasiva.

Il finanziamento dell’intero progetto ammonta ad oltre 27 milioni di euro (con un cofinanziamento della Regione Siciliana per oltre 800mila euro) con la somma più rilevante all’Università degli Studi di Palermo, sotto la responsabilità scientifica del progetto del Prof. Massimo Midiri, direttore della U.O.C. di Diagnostica per Immagini del Policlinico universitario di Palermo. La somma restante verrà ripartita tra la Fondazione Giglio di Cefalù, la società GesanCom s.r.l., il Consiglio Nazionale delle Ricerche, i laboratori nazionali del sud (LNS) e la sezione di Catania dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN).

Un grande successo per l’ateneo palermitano, che ancora una volta si pone come avanguardia nella ricerca in Italia, grazie anche al coinvolgimento di gruppi di ricerca di altissimo profilo scientifico e professionale afferenti ai Dipartimenti Universitari di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche (DICHIRONS), di Fisica e Chimica (DIFIC) e di Biomedicina, Neuroscienze e Diagnostica Avanzata (BiND).

Prof. Massimo Midiri
Prof. Massimo Midiri

“Questo progetto – dichiara il Prof. Massimo Midiri – è il frutto di una estrema sensibilità dei colleghi coinvolti nei confronti della ricerca, vero motore di un Ateneo ed è inoltre il risultato di un’attenta pianificazione delle attività e degli investimenti delle risorse che ad oggi sono spesso di difficile reperibilità e troppo spesso non correttamente impegnate per la finalizzazione di virtuose linee progettuali. Il progetto prevede inoltre di investigare e validare tecniche chirurgiche mini-invasive su distretti ad alto impatto sulla qualità di vita del paziente, quali la mammella ed il cavo orale. Inoltre la costituzione di una squadra con competenze trasversali, vedrà medici affiancati ad informatici e fisici e consentirà – continua il Prof. Midiri – di portare avanti linee di ricerca (di base e applicata) per lo sviluppo di innovative tecniche di elaborazione ed analisi di immagini e test medicali. Sfruttando tecniche di radiomica ed intelligenza artificiale sarà infatti possibile estrarre dati quantitativi dalle immagini di comuni esami radiologici e di laboratorio a supporto di diagnosi sempre più precoci grazie all’identificazione di specifici biomarcatori, utili inoltre per ottimizzare la valutazione della risposta a terapia oltre che nella pianificazione terapeutica stessa.

Grazie a questo progetto – conclude il Prof Massimo Midiri – riusciremo ad estendere i campi di applicazione della terapia non invasiva che fa uso di ultrasuoni focalizzati guidati da Risonanza Magnetica (MRgFUS o FUS) e che ci vede protagonisti nel territorio nazionale ed internazionale ormai da diversi anni, al trattamento del carcinoma prostatico, dei fibromi uterini, delle metastasi ossee dolorose e dei tumori ossei primitivi quali l’osteoma osteoide. Avvieremo inoltre i primi studi sul territorio nazionale per l’applicazione di questa innovativa tecnologia al trattamento di malattie neurordegenerative come l’Alzheimer e dei tumori cerebrali primitivi più aggressivi quali il glioblastoma”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.