Luoghi del cuore FAI: il Fiume Oreto di Palermo superato da Bologna | VOTA QUI :ilSicilia.it
Palermo

C'è tempo fino al 30 novembre

Luoghi del cuore FAI: il Fiume Oreto di Palermo superato da Bologna | VOTA QUI

di
20 Settembre 2018

Ci sono ancora due mesi per votare: il prossimo 30 novembre scadrà il concorso indetto dal Fondo Ambiente Italiano, per salvare uno dei luoghi dimenticati d’Italia. Dopo alcuni mesi in vetta, il Fiume Oreto di Palermo ha perso al momento il primato nella classifica dei “Luoghi del cuore FAI” da salvare.

Al primo posto c’è adesso l’antico stabilimento termale di Bologna, con oltre ventimila preferenze. Si ferma a 15mila il Fiume Oreto. Cinquemila voti di distacco sono difficili da recuperare, ma Palermo ha dalla sua il vantaggio di essere la quinta città d’Italia, quindi ha un bacino di votanti potenzialmente maggiore.

Sul web e nei social network intanto attivisti, ambientalisti e comuni cittadini si mobilitano per spronare i palermitani e tutti i siciliani a votare per il Fiume Oreto, oggi abbandonato all’incuria e al degrado.

oretoEcco cosa scrive la Pagina Facebook “Salviamo l’Oreto”: «Probabilmente lo dobbiamo alla peggiore classe dirigente del Paese. Palermo e la Sicilia sono agli ultimi posti nelle principali classifiche sulla qualità della vita. Noi cittadini siamo rimasti a guardare in questi anni mentre tutto attorno a noi precipitava nel nulla. Bologna, una città con metà della nostra popolazione, con i migliori asili d’Italia ed una tradizione straordinaria di partecipazione civica ha superato l’Oreto nella classifica del FAI. Si sono schierati con la propria città i principali artisti, le istituzioni, comitati di cittadini. Hanno fatto squadra, per d’avvero. Meritano di essere primi. A loro va la nostra ammirazione ed il nostro rispetto.Era nell’ordine delle cose: a chi ha sarà dato ed a chi non ha sarà tolto anche quel poco che ha».

L’aver riportato la frase “fare squadra” appare un chiaro riferimento allo slogan del sindaco Leoluca Orlando. OrlandoTanto che poi l’attacco arriva diretto: «Per noi – scrivono gli amministratori della pagina – vale fatica doppia, lo sappiamo. Senza polemica, e senza piangerci addosso, noi dal nostro sindaco abbiamo ricevuto una mail confusa e nient’altro, ognuno ha quel che si merita. E se il fiume è cosi è anche sua responsabilità. 

Vincere o non vincere il concorso del FAI non è determinante per la nascita del Parco dell’Oreto, la cosa che per noi conta veramente. Lo è per smuovere le coscienze della nostra città e della nostra regione senza le quali il Parco dell’Oreto non nascerà MAI. Noi abbiamo l’obbligo di mostrare all’Italia ed al mondo il degrado nella nostra Palermo e della nostra Sicilia e provare a fermarlo. Vincere il concorso del FAI serve a questo. Per dimostrare che siamo diversi da chi ci ha preceduto. Che di TENIAMO. Perché non si possa dire ancora: sono rimasti a guardare mentre tutto attorno a loro precipitava.

Con questa pagina ce l’abbiamo messa tutta. Ma da soli non possiamo battere una città bella e forte come Bologna. Serve l’aiuto di tutti. Se pensi che lo farà un altro per te, sappilo, questo non accadrà. Serve Palermo, che si attivi e ci creda. Uniti possiamo cambiare le cose. Serve che ciascuno di NOI, voglia veramente essere parte del cambiamento che auspica. La sfida dell’Oreto è buona come un’altra. Adesso c’è questa. COGLILA. Saremo ultimi nelle classifiche del mondo. Ma non ce lo meritiamo. Ed abbiamo la forza per non essere secondi a nessuno. Ma dobbiamo meritarcelo.

Attivatevi. Bussate al vostro vicino ed invitatelo a firmare, dategli un modulo che lo compili e lo faccia firmare per se e per i suoi figli, chiamate i parenti all’estero, i compagni di palestra, gli amici di una vita. Mettiamo i responsabili di questo degrado davanti le LORO responsabilità, con la nostra assunzione di responsabilità. Attivatevi. Noi continueremo. E documenteremo una vittoria o una sconfitta che non sarà solo nostra ma della città intera, della Sicilia intera. Di ciascuno di noi, singolarmente.

Per Bologna vincere o perdere cambia poco. Per Palermo significa meritare o non meritare il degrado che abbiamo attorno. Se nessuno farà nulla vale la regola: a chi ha sarà dato e a chi non ha sarà tolto anche quello che ha. Non dateci consigli. Se volete essere parte di questo processo di cambiamento ATTIVATEVI, O TACETE PER SEMPRE! #Salviamoloreto #ilNostroOreto».

Link per firmare on-line: QUI

Link per scaricare il modulo: QUI

 



LEGGI ANCHE:

Ambiente: amianto e sfabbricidi. Scoperta bomba ecologica alla foce dell’Oreto

Domani vertice per salvare l’Oreto: “Dalla fogna all’Unesco”

La Palermo del futuro, tra degrado e sogni nel cassetto | VIDEO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.