L'Upi a Di Maio: "Conte aveva dimenticato completamente le partite Iva" :ilSicilia.it

la nota

L’Upi a Di Maio: “Conte aveva dimenticato completamente le partite Iva”

di
15 Giugno 2021

La Presidente di UPI ITALIA, Alessia Ruggeri, non ci sta alle stucchevoli dichiarazioni dell’onorevole Di Maio dove dichiara che il nuovo Movimento 5 Stelle parla alle imprese e difende il ceto medio con la volontà di tutelare le imprese, le professioni dimenticate e le partite IVA.

Incalza la Ruggeri dicendo: “Non credo che le 800 mila partite IVA fallite per dirette motivazioni collegate alla pandemia ed alle scelte di contenimento del precedente governo Conte, con i circa 3 milioni di lavoratori rimasti a casa, siano d’accordo con l’ autoproclamo del ministro Di Maio. Le partite IVA sono state del tutto dimenticate dal governo Conte, neo leader del movimento, che ha poco colloquiato con gli imprenditori adottando scelte scellerate definite uniche e possibili.

Continua l’attacco Davide Gioé, delegato UPI ITALIA per la sanità, ricordando come i fornitori di dispositivi medici, anch’essi possessori di partite iva, e catalogati la maggior parte come micro-imprese, siano stati ostacolati dal governo Conte, grazie anche all’operato del suo commissario all’emergenza, Domenico Arcuri, con sequestri doganali precisi e puntuali che hanno causato, ovunque, l’assenza totale per diverse settimane di mascherine. Al contrario, nel frattempo, quasi a sfregio, sempre il suo uomo Arcuri ha favorito in forniture super milionarie le sue amiche multinazionali (vedi Medtronic) e, incredibilmente, qualche amico di vecchia data con società costituite per l’occasione.

Ricorda ancora, il delegato, che solo grazie alla loro caparbietà, professionalità e competenza questi stoici fornitori, che nel frattempo si erano riconvertiti in quel momento nella commercializzazione di mascherine e DPI, sono riusciti a fornire gli ospedali e a salvare tanti operatori sanitari dal contagio.

Quindi, dopo aver vissuto la stagione dei monopattini e dei banchi a rotelle, in un momento tragico per gli italiani, ed ancor di più per gli imprenditori, queste dichiarazioni sembrano grottesche.

Oggi noi imprenditori possiamo applaudire il governo Draghi che ha saputo varare un progetto da 248 miliardi e attendiamo con fiducia le riforme della Pubblica Amministrazione, Giustizia e Fisco, con la speranza che noi, che rischiamo ogni giorno il nostro capitale, possiamo interloquire con una classe politica che non parli con frasi ad effetto o slogan ma che sia capace di attuare quelle riforme strutturali che potranno portare il paese alla ripartenza che tutti gli italiani si aspettano.

Concludono la Ruggeri e Gioè dicendo che la classe produttiva del Paese merita rispetto e che dire adesso che il movimento 5 stelle si prende cura delle partite iva, e della gente del ceto medio non è per niente credibile.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin