M5s bagherese dietro l'acquisto dell'ecomostro di Aspra? "Ispezione al Comune" :ilSicilia.it
Palermo

lo chiede il capogruppo del Pd all'Ars Cracolici

M5s bagherese dietro l’acquisto dell’ecomostro di Aspra? “Ispezione al Comune”

di
23 Ottobre 2018

“Bisogna avviare un’ispezione preso gli uffici del Comune di Bagheria per verificare la legittimità degli atti amministrativi della Giunta e del primo cittadino Patrizio Cinque”. Lo chiede, in una interrogazione parlamentare presentata all’Ars, il deputato regionale del PD Antonello Cracolici, che interviene sulla vicenda dell’acquisto del cosiddetto ‘Ecomostro di Aspra’.

“Se un sindaco che determina e indirizza le politiche di sviluppo economiche e sociali di una comunità è contemporaneamente componente di una società che cerca di trarre profitto da un investimento privato speculativo ai danni del bene comune e dell’ambiente – scrive Cracolici nell’interrogazione – allora siamo in presenza di un conflitto di interesse sul quale è bene fare luce”.

Patrizio Cinque
Patrizio Cinque

“Non è chiaro – aggiunge il parlamentare regionale PD – come sia stato possibile che una cordata di esponenti del Movimento 5 Stelle, composta anche dal sindaco di Bagheria Patrizio Cinque e dal deputato nazionale Caterina Licatini – per altro solo pochi giorni prima nominata presidente del Consiglio di Amministrazione della società Amb, azienda multiservizi a totale partecipazione e controllo del Comune di Bagheria – si sia aggiudicata lo scheletro in cemento sul mare di Aspra, da sempre oggetto di contenzioso con le associazioni ambientaliste che ne chiedono la demolizione”.

“Sembra chiaro – conclude Cracolici – lo spirito speculativo dell’acquisto che ha anticipato di un solo giorno l’approvazione da parte della giunta di Bagheria di un regolamento che potrebbe, incidendo su eventuali demolizioni di parti abusive di immobili privati, determinare un beneficio per i proprietari ed investitori”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.