M5S, Conte punta la Sicilia. I papabili? Varrica: "Partiamo dai risultati per Palermo" :ilSicilia.it
Palermo

la dichiarazione del deputato grillino

M5S, Conte punta la Sicilia. I papabili? Varrica: “Partiamo dai risultati per Palermo”

di
21 Ottobre 2021

Il M5S di Giuseppe Conte si prepara sul fronte dell’organizzazione e della presenza territoriale. L’ex premier, oggi alla guida del movimento, punta al rinnovamento e guarda alla Sicilia, prossima protagonista delle elezioni amministrative a Palermo e poi delle regionali.

Il leader, tuttavia, non si è ancora sbilanciato sul nome del coordinatore grillino nell’Isola, né sull’alleanza con il Pd per Palermo, nonostante l’asse giallo-rosso sia già ben consolidato a livello nazionale ma anche a livello locale, come a Caltagirone, reduce dalle amministrative, o come a Termini Imerese, prima tappa dell’alleanza giallorossa. Anche se molto probabilmente già stasera si riunirà un’assemblea congiunta per indicare i vicepresidenti, presupposto per tracciare l’organizzazione dall’alto verso il basso.

Dal canto suo il presidente del M5s non si nasconde, vuole conquistare la Sicilia e per governarla ci vuole la giusta ricetta, e sulla stessa linea si muove il deputato palermitano alla Camera, Adriano Varrica, per il quale i nomi non vanno anteposti alla proposta “Credo moltissimo nel percorso che stiamo facendo con il presidente Conte”, e per quanto riguarda candidature di donne e uomini per la corsa alla presidenza delle Regione e a Sala d’Ercole “Non ci sono anticipazioni. Partiamo dalla proposta che vogliamo offrire” .

Poi su PalermoIl tema è questo: come servire la città, senza cadere, come sempre, nei discorsi della politica che parla di politica. Tutta l’attività portata avanti in questi anni è concentrata sul come ci siamo potuti rendere utili per i cittadini. La prospettiva è portare risultati per la città, – ribadisce Varrica  – non il piacere delle formule, questo è uno schema che abbiamo cercato di combattere in questi anni e sono convinto che con Conte verrà ancor di più enfatizzato”.

Qui, il parlamentare pentastellato fa riferimento a specifici interventi messi in atto nell’ultimo periodo per il rilancio del capoluogo siciliano. Tra gli esempi: 120 milioni per il rilancio del cantiere navale di Palermo, il recupero di 57 milioni per la riqualificazione delle periferie quali Zen, Sperone e Borgo nuovo, poi per il Ponte Oreto 3,8 milioni per messa in sicurezza e stipula della convenzione con Anas, o lo sblocco di risorse per le piccole e medie imprese siciliane.

Insomma, il quadro politico, con nomi dei papabili e liste per le elezioni, andrà definendosi nelle prossime settimane.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro