M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo :ilSicilia.it

La riflessione di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

di
4 Dicembre 2020

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro.

Il risultato delle elezioni regionali siciliane e delle successive elezioni politiche, avevano fatto credere che fosse nata una forza politica in grado di governare l’Italia. Invece, si è rivelata una grande bluff. Tutti quegli elettori che avevano esultato, pensando che la politica fosse stata messa di fronte alle sue responsabilità e quindi bocciata, saranno costretti a ricredersi. Anzi, parafrasando il presidente della commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra, a proposito dei calabresi che votarono Jole Santelli nonostante sapessero che era affetta da un tumore, si potrebbe dire: avete votato M5s e questi sono i rappresentanti che vi meritate. Gente senza una vaga idea dello Stato, incapace di amministrare un condominio, che teorizza la decrescita felice, ovvero meglio tutti più poveri piuttosto che professionisti benestanti grazie al proprio lavoro. Meglio il reddito di cittadinanza che il riconoscimento del merito di chi si impegna e contribuisce a rendere grande il nostro Paese.

La rottura era nell’aria da tempo, Alessandro Di Battista ha organizzato le cose per bene, riuscendo a mettere in difficoltà il suo ex sodale Luigi Di Maio. Certo, ci saranno tentativi per fare rientrare la protesta che ha fatto implodere il M5s, ma la disfatta si annuncia inarrestabile. Saranno giorni difficili per il premier Giuseppe Conte che potrebbe improvvisamente essere disarcionato dalla carica più alta di Palazzo Chigi. Se crisi di governo dovrà essere meglio che sia immediata, prima dell’inizio della programmazione del recovery fund. Ciò eviterebbe ritardi, ma soprattutto pasticci.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin