Ma quale "donna al volante", sono gli uomini a causare più incidenti :ilSicilia.it

Secondo lo studio della rivista "Injury Prevention"

Ma quale “donna al volante”, sono gli uomini a causare più incidenti

di
7 Aprile 2020

Altro che “donna al volante, pericolo costante“: sono i maschi il pericolo principale sulle strade. Lo ha dimostrato uno studio pubblicato dalla rivista Injury Prevention.

Secondo la pubblicazione scientifica, se un maggior numero di donne facesse lavori ora considerati tipicamente “maschili”, come l’autista, ci sarebbero meno incidenti. I ricercatori hanno usato i dati relativi agli incidenti stradali in Inghilterra tra il 2005 e il 2015. Il campione utilizzato ha riguardato  sei diverse categorie di veicoli, biciclette, auto, furgoni, bus, camion e moto, calcolando il rischio per chilometro percorso di provocare un incidente che coinvolga gli altri utenti della strada.

I RISULTATI

In cinque delle sei categorie, hanno concluso, gli uomini sono molto più pericolosi. Per auto e furgoni il rischio di provocare un incidente è doppio per i guidatori maschi. Per i camion diventa quadruplo, mentre i motociclisti maschi sono dieci volte più pericolosi delle femmine.

Suggeriamo che i decisori politici considerino strategie per aumentare la parità di genere nelle occupazioni che coinvolgono la guida, dato il maggior rischio di incidenti che coinvolgano altri utilizzatori se guidano gli uomini“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.