Ma scherziamo? Assurdo mandare Giovanni Brusca ai domiciliari | ilSicilia.it :ilSicilia.it

l'editoriale del direttore responsabile

Ma scherziamo? Assurdo mandare Giovanni Brusca ai domiciliari

di
7 Ottobre 2019

Va bene che Giovanni Brusca, con le sue dichiarazioni, ha dato un contributo importante per la cattura di diversi mafiosi, va bene anche che in Italia siamo in un sistema nel quale la Costituzione prevede che si dia priorità alla funzione rieducativa della pena, ma scarcerarlo e mandarlo ai domiciliari sarebbe decisamente irrispettoso per tutte le vittime.

Brusca, anche se negli anni di detenzione è cambiato, resta un assassino che ha sulla coscienza la vita di persone innocenti. Per intenderci, è colui che sciolse nell’acido il piccolo Giuseppe Di Matteo, suo figlioccio. Colui che premette il telecomando nella strage di Capaci del 23 maggio del 1992. E potremmo continuare ancora con tutti i crimini da lui commessi.

Adesso, attraverso i suoi legali, chiede di andare ai domiciliari. La gente forse non sa che questo individuo ha usufruito in tutti questi anni di circa 80 permessi dovuti alla sua collaborazione sulla con la giustizia. Ci sta, si potrebbe dire, se tutto questo non stridesse con una ferita che il nostro Paese ha ancora aperta e sanguinante, provocata dal piombo e dal tritolo mafioso. No, aprire le porte del carcere per Giovanni Brusca è davvero troppo, perché costituirebbe un pericolosissimo precedente diseducativo (altro che funzione educativa della pena) verso tutti coloro che mietono violenza, organici o meno a organizzazioni criminali assassine come la mafia, la ‘ndrangheta, la camorra e altre.

L’auspicio è che la prima sezione penale della Corte di cassazione rigetti la richiesta di detenzione domiciliare, accogliendo il parere negativo della procura generale della Cassazione. Inspiegabile poi l’orientamento della procura nazionale antimafia che si è detta favorevole alla scarcerazione, giustificando questo orientamento con il fatto che Brusca si sarebbe ravveduto. Come se questo possa bastare per garantire a delinquenti e assassini lo spalancarsi delle porte del carcere.

No, i familiari delle vittime di mafia meritano giustizia. Lo Stato non  può dimenticare la memoria dei propri caduti e deve scongiurare provvedimenti che possano minare il rapporto fra i cittadini e le istituzioni. Un  passo falso del genere sarebbe davvero troppo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.