Ma scherziamo? Assurdo mandare Giovanni Brusca ai domiciliari | ilSicilia.it :ilSicilia.it

l'editoriale del direttore responsabile

Ma scherziamo? Assurdo mandare Giovanni Brusca ai domiciliari

7 Ottobre 2019

Va bene che Giovanni Brusca, con le sue dichiarazioni, ha dato un contributo importante per la cattura di diversi mafiosi, va bene anche che in Italia siamo in un sistema nel quale la Costituzione prevede che si dia priorità alla funzione rieducativa della pena, ma scarcerarlo e mandarlo ai domiciliari sarebbe decisamente irrispettoso per tutte le vittime.

Brusca, anche se negli anni di detenzione è cambiato, resta un assassino che ha sulla coscienza la vita di persone innocenti. Per intenderci, è colui che sciolse nell’acido il piccolo Giuseppe Di Matteo, suo figlioccio. Colui che premette il telecomando nella strage di Capaci del 23 maggio del 1992. E potremmo continuare ancora con tutti i crimini da lui commessi.

Adesso, attraverso i suoi legali, chiede di andare ai domiciliari. La gente forse non sa che questo individuo ha usufruito in tutti questi anni di circa 80 permessi dovuti alla sua collaborazione sulla con la giustizia. Ci sta, si potrebbe dire, se tutto questo non stridesse con una ferita che il nostro Paese ha ancora aperta e sanguinante, provocata dal piombo e dal tritolo mafioso. No, aprire le porte del carcere per Giovanni Brusca è davvero troppo, perché costituirebbe un pericolosissimo precedente diseducativo (altro che funzione educativa della pena) verso tutti coloro che mietono violenza, organici o meno a organizzazioni criminali assassine come la mafia, la ‘ndrangheta, la camorra e altre.

L’auspicio è che la prima sezione penale della Corte di cassazione rigetti la richiesta di detenzione domiciliare, accogliendo il parere negativo della procura generale della Cassazione. Inspiegabile poi l’orientamento della procura nazionale antimafia che si è detta favorevole alla scarcerazione, giustificando questo orientamento con il fatto che Brusca si sarebbe ravveduto. Come se questo possa bastare per garantire a delinquenti e assassini lo spalancarsi delle porte del carcere.

No, i familiari delle vittime di mafia meritano giustizia. Lo Stato non  può dimenticare la memoria dei propri caduti e deve scongiurare provvedimenti che possano minare il rapporto fra i cittadini e le istituzioni. Un  passo falso del genere sarebbe davvero troppo.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.