22 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.20
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

indagano i carabinieri

Macabra scoperta a Palermo, rinvenuto il cadavere di un uomo | Foto

20 gennaio 2019
Foto D.Ma.
Foto D.Ma.
Foto D.Ma.
Foto D.Ma.

Scorri la fotogallery in alto

È di un clochard il corpo ritrovato intorno alle 8 di oggi 20 gennaio a Palermo in piazza De Gasperi, nei pressi dello Stadio Barbera. Si chiamava Abboudi Abdelghini, un marocchino di 65 anni conosciuto come “Carmelo”. Pare che si sia addormentato su una delle panchine di marmo e che non abbia retto al gelo della notte.

Il cadavere è stato scoperto riverso sul marciapiedi della villetta. I carabinieri stavano pattugliando la zona per i controlli di routine sul territorio quando hanno visto una sagoma.

Fermate le auto hanno tentato di svegliarlo ma hanno subito capito che non c’era più nulla da fare. In breve, è arrivata un’autoambulanza avvisata dai militari ma i paramedici hanno soltanto potuto constatare il decesso.

Il cadavere è stato poi coperto con un telo bianco e sono iniziate le indagini per capire i motivi che hanno causato la morte. I carabinieri presenti sul posto hanno detto, poco dopo il rinvenimento, di non conoscere le generalità della vittima né l’eta perché sprovvisto di documenti. Da quello che era stato possibile intravedere, nonostante il telone che lo ricopriva, è sembrato chiaro fin da subito che si trattava di un uomo dalla pelle olivastra.

In un primo momento, dalle informazioni raccolte attraverso chi pratica attività sportive nella zona, è sembrato che potesse essere un podista.

In un noto centro sportivo della zona, infatti, qualcuno sosteneva di aver visto un uomo, conosciuto da chi fa footing, che correva proprio nei pressi in cui è stato poi ritrovato il cadavere.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.