"Madonie, un futuro possibile". A Castelbuono un incontro per strategie di sviluppo del territorio :ilSicilia.it
Palermo

Il dibattito al Municipio del comune madonita

“Madonie, un futuro possibile”. A Castelbuono un incontro per strategie di sviluppo del territorio

di
12 Settembre 2017
Mario Cicero – Sindaco di Castelbuono
Mario Cicero – Sindaco di Castelbuono
Giuseppe Ferrarello – vicesindaco di Gangi
Giuseppe Ferrarello – vicesindaco di Gangi
Maurizio Scaglione
Daniela Fiandaca – Vice Sindaco di Castellana Sicula
Giovanni Faletra - imprenditore, gestore del Rifugio Marino di Piano Battaglia
Bartolo Vitale e Angelo Puccia

Ieri sera, presso l’Aula Consiliare del Municipio di Castelbuono, organizzato dal movimento Democratici per Castelbuono, si è svolto un vivace dibattito, dal titolo “Madonie, un futuro possibile”, sulle prospettive politiche ed organizzative delle Madonie in relazione all’attività legata alle strutture sovracomunali operanti nel territorio.

Dalla S.N.A.I. (Strategia Nazionale Aree Interne), inaugurata nel settembre 2012 dal Ministro per la Coesione, con il supporto di un Comitato Tecnico Aree Interne costituito alla scopo. Ne fanno parte il Ministero dei Beni Culturali, il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, il Ministero del Lavoro, il Ministero dell’Istruzione, il Ministero della Salute, il Ministero Infrastrutture e Trasporti, l’UPI, l’ANCI, l’UNCEM, l’INEA, l’ISFOL e l’ISMEA.

La programmazione attualmente prevede interventi, anche economici, nell’arco di tempo 2014-2020, ai Comuni aderenti all’Unione dei Comuni (L’Unione dei Comuni delle Madonie è un accordo di Partenariato tra 16 Comuni con due linee di intervento essenziali: i servizi gestiti in forma associata ed esperienze di programmazione territoriale concertata. L’Unione è diventata “strategica” poiché in una precisa sezione dell’Accordo di Partenariato Italia 2014-2020, per l’impiego dei fondi strutturali e di investimento europei, si stabilisce, con grande enfasi, che le aggregazioni di comuni contigui saranno considerate partner privilegiati per definizione delle strategie di sviluppo locale), dall’imprenditoria turistica a quella della comunicazione, l’incontro ha inteso mettere a confronto il “sapere e il saper fare” perché inizino a parlare con lo stesso linguaggio.

Politici ed imprenditori hanno offerto una elaborazione politica, al numeroso pubblico, che non è stata soltanto una fotografia del presente dell’ampio e ricco territorio, quanto piuttosto un dibattito sull’insieme delle opportunità, istituzionali, culturali ed economiche, che nell’immediato futuro possono vedere le Comunità come protagonista delle strategie di sviluppo delle Madonie.

Sono intervenuti:

Mario Cicero – Sindaco di Castelbuono;

Giuseppe Ferrarello – Referente d’area S.N.A.I. Madonie;

Daniela Fiandaca – Vice Sindaco di Castellana Sicula

Angelo Puccia – Consigliere Comunale gruppo “Democratici per Castelbuono”;

Maurizio Scaglione – Direttore Editoriale de “ilSicilia.it”;

Giovanni Faletra – imprenditore, gestore del Rifugio Marino di Piano Battaglia;

Bartolo Vitale – consulente della Coop Maestraele, Campeggio di Munciarrati Isnello.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin