20 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 20.07
Palermo

in manette anche il sindaco di torretta

Mafia, 19 arresti fra Palermo e New York. Si era ricostituito il clan degli Inzerillo

17 Luglio 2019

Più di 200 uomini della Squadra Mobile di Palermo, del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato e del Federal Bureau of Investigation (FBI) di New York hanno eseguito 19 arresti e fermi, disposti dalla Dda del capoluogo siciliano, di boss e gregari del mandamento mafioso di Passo di Rigano (Palermo).

Attorno alle 3 di notte è scattato il blitz, denominato “New connection”, che ha svelato il forte legame tra Cosa Nostra palermitana e la criminalità organizzata statunitense, in particolare il potente Gambino Crime Family di New York. Fra gli arrestati ci sono gli eredi delle famiglie Gambino e Inzerillo.

Nel quartiere di Passo di Rigano avevano ricostituito la loro roccaforte importanti esponenti della famiglia mafiosa degli Inzerillo, una storica cellula criminale palermitana sterminata dal capomafia Totò Riina negli anni ’80, durante la seconda guerra di mafia. Gli esponenti della famiglia Inzerillo, costretti a rifugiarsi negli Usa, rientrati in Italia nei primi anni 2000, avevano ricostituito le fila della ‘famiglia’, anche grazie al ritrovato equilibrio con i vecchi nemici. I Gambino, invece, esercitavano il loro potere soprattutto in provincia, nei pressi del paese di Torretta, in provincia di Palermo.

In manette è finito anche il sindaco di Torretta, Salvatore Gambino, che è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Fra gli arrestati c’è Alessandro Mannino, nipote di Totuccio Inzerillo, ma anche Rosario Gambino, trafficante di droga ben noto agli investigatori, sui cuyi viaggi fra la Sicilia e gli Usa anni fa aveva indagato anche il giudice Giovanni Falcone.

Blitz antimafia, ecco i nomi degli arrestati

Salvini: “Il modo migliore per onorare la memoria dei martiri dello Stato”

La giornata comincia splendidamente con un durissimo colpo alla mafia sull’asse Palermo-New York.Orgoglioso della nostra Polizia di Stato e degli inquirenti italiani!“. Lo scrive sul suo profilo twitter il ministro dell’Interno Matteo Salvini a proposito arresti e fermi, disposti dalla Dda del capoluogo siciliano, di boss e gregari del mandamento mafioso di Passo di Rigano (Palermo).

Il ministro ha poi scritto un secondo tweet: “A due giorni dall’anniversario della strage di via D’Amelio, in cui vennero assassinati Paolo Borsellino e gli agenti della sua scorta, la lotta senza tregua al cancro mafioso è il modo migliore per onorare la memoria di tutti i Martiri dello Stato“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Cosa vi sta capitando?

Il telefonino quale strumento “democratico” alla portata di tutti, dal Papa al migrante appena sbarcato. Ma credete veramente che chi muove le fila delle marionette potesse permettere la diffusione di “strumenti democratici” se non per altri fini che di democratico non hanno nulla?
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.