Mafia: 37 arresti nel Potentino, emersi collegamenti col clan catanese dei Santapaola :ilSicilia.it
Catania

IL FATTO

Mafia: 37 arresti nel Potentino, emersi collegamenti col clan catanese dei Santapaola

di
29 Novembre 2021

Quasi una quarantina di provvedimenti di misura cautelare, tra cui diversi arresti, sono in corso di esecuzione da parte della Polizia nell’ambito di un’operazione contro il clan Martorano-Stefanutti coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Potenza.

Le persone coinvolte nell’operazione – che si estende anche alla provincia di Matera – sono accusate, a vario titolo, di associazione per delinquere di stampo mafioso, associazione finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti e di numerosi “delitti scopo”, aggravati dall’agevolazione e dal metodo mafioso. I dettagli dell’operazione saranno illustrati stamani, alle ore 10.30, nel Palazzo di Giustizia di Potenza, in una conferenza stampa, dal Procuratore della Repubblica distrettuale, Francesco Curcio e dal prefetto Francesco Messina, Direttore centrale anticrimine della Polizia.

Il clan potentino guidato da Renato Martorano e Dorino Stefanutti – due delle 37 persone arrestate oggi dalla Polizia (28 in carcere, nove ai domiciliari) – è ormai “ampiamente riconosciuto dalla ‘ndrangheta calabrese e dai clan mafiosi lucani, siciliani e pugliesi”: è la conclusione della Direzione distrettuale antimafia di Potenza, che ha chiesto e ottenuto dal gip gli arresti. Gli indagati in carcere e ai domiciliari sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di droga, estorsioni, detenzione e porto illegale e di armi da fuoco e danneggiamento seguito da incendio, aggravati dall’agevolazione e dal metodo mafioso.

Oltre agli arresti, la Polizia ha notificato un divieto di dimora nella provincia di Potenza e ha eseguito sette perquisizioni domiciliari e personali. Dall’inchiesta sono emersi collegamenti con le cosche calabresi dei Pesce-Bellocco e Grande Aracri, con il clan catanese dei Santapaola e con gruppi criminali pugliesi e lucani. La Procura antimafia di Potenza ritiene di aver scoperto anche “una fitta rete di contiguità e connivenze insinuatasi persone nelle sfere istituzionali“, oltre alla tipica attività di “mutua assistenza” a favore dei detenuti. Infatti, durante la sua detenzione nel carcere di Melfi (Potenza) Stefanutti avrebbe ricevuto “costante assistenza materiale” mentre “impartiva specifiche direttive verso l’esterno, anche attraverso la consegna di ‘pizzini'”.

Tra gli arrestati vi è anche un rappresentante sindacale, Rocco Della Luna della Uil. Il Procuratore distrettuale, Francesco Curcio, ha evidenziato che Della Luna (che ora si trova ai domiciliari) era “il braccio armato” del clan Martorano-Stefanutti nella gestione “addomesticata” dei dipendenti della società “Kuadra”, che in passato è stata affidataria dei servizi di pulizia presso l’ospedale San Carlo di Potenza, il più importante della regione. In totale gli indagati sono una sessantina: le indagini hanno preso in esame gli ultimi 15 anni di attività criminale a Potenza e in altre zone della Basilicata. Alla conferenza stampa ha partecipato anche il prefetto Francesco Messina, Direttore centrale anticrimine della Polizia, il quale ha sottolineato che “in Italia non ci sono aree libere da sodalizi. I legami tra queste organizzazioni – ha aggiunto – sono maturate durante le detenzioni e questo deve far riflettere”.

I NOMI

Oltre a Martorano, che ha 65 anni, e Stefanutti (62), l’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dal gip di Potenza Lucio Setola, per Rocco Basta (59), Rocco Benedetto (42), Marco Bruno (31), Luigi Cancellara (66), Domenico Carlucci (48), Enzo Giordano (32), Enrico Michele Lamonea (25), Umberto Lopiano (33), Donato Lorusso (48), Antonio Masotti (58), Mirco Nucito (33), Federico Orlando (25), Giambattista Pace (29), Giambattista Pace (69), Lodovico Pangrazio (71), Saverio Postiglione (67), Giovanni Quaratino (70), Salvatore Francesco Romano (33), Salvatore Santoro (53), Michele Sarli (29), Nicola Sarli (51), Valentino Scalese (40), Giovanni Tancredi (53), Marco Triumbari (53), Carlo Troia (51) e Gerardo Vece (28). Sono ai domiciliari Lorys Calabrone, di 36 anni, Potito Capezzera (43), Elvira D’Ascoli (58), Rocco Della Luna (50), Mario Di Giuseppe (42), Francesco Michele Riviezzi (38), Federico Saccone (32), Albina Stefanutti (48) e Manuela Stefanutti (35). Il divieto di dimora in provincia di Potenza è stato disposto per Giacinto Daniel Tomasco, di 33 anni.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin