Mafia a Catania, la richiesta del boss al giudice: "Portate via mio figlio da quel rione" :ilSicilia.it
Catania

la dichiarazione

Mafia a Catania, la richiesta del boss al giudice: “Portate via mio figlio da quel rione”

di
30 Novembre 2021

Dottore, la prego, tenga lontano mio figlio da quel maledetto quartiere“. Lo ha detto un boss detenuto al 41bis al presidente del Tribunale di Catania, Roberto Di Bella, durante un colloquio previsto dalla legge per l’allontanamento dal ragazzo dalla Sicilia per affidarlo a una comunità protetta fuori dall’isola. Il figlio quattordicenne, primogenito, si era già candidato a prendere il posto del padre nell’organizzazione.

Adesso è lontano da Catania, con il progetto ‘Liberi di scegliere‘. E il padre dopo il colloquio gli ha mandato una lettera: “Ha scritto ‘rispetta tutte le indicazioni che ti danno in comunitàracconta il magistratoe, soprattutto, non mi considerare un mito, ma un fallimento’“.

Durante il colloquio, mi ha parlato della sua sofferenza – dice il presidente Di Bellami ha raccontato del dolore che prova nel non potere abbracciare i suoi figli, può incontrarli esclusivamente dietro al vetro blindato del 41 bis” .

Il giudice gli ha “proposto un patto educativo” per “evitare a suo figlio la sofferenza che sta provando lei”. “A Catania si sono fatte avanti anche due madri – rivela Di Bella – erano rimaste destinatarie di misure cautelari. Hanno chiesto di essere aiutate a lasciare con i figli i contesti di origine. E così è scattato il protocollo ‘Liberi di scegliere’, che prevede un percorso di accompagnamento e sostegno da parte dell’associazione Libera, per un nuovo inserimento, anche lavorativo“.

Per il presidente Di Bella “è importante fare un lavoro costante sul territorio” che “deve vedere presenti insieme istituzioni e società civile” partendo “alla scuola e dal tempo prolungato” visto che nella città metropolitana di Catania “la dispersione scolastica ha livelli preoccupanti, arrivando al 22 per cento dei minorenni fra i 6 e i 16 anni“.

Per questo ha messo in moto l’iter per una nuova iniziativa: chi non manda i figli a scuola perderà il reddito di cittadinanza e altri sussidi legati alla scolarizzazione. Il Tribunale ha già fatto le prime segnalazioni all’Inps.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro