Mafia: a Palermo parco giochi con proventi "Corsa per la memoria 2021" :ilSicilia.it
Palermo

in memoria delle stragi di Capaci e via d'Amelio

Mafia: a Palermo parco giochi con proventi “Corsa per la memoria 2021”

di
15 Maggio 2021

In occasione della quarta edizione della Corsa per la memoria 2021- Virtual Run, partita giovedì scorso e che si concluderà il 23 maggio, in memoria delle stragi di Capaci e via d’Amelio e di tutte le vittime della mafia, l’amministrazione comunale di Palermo, che patrocina l’evento, s’impegna a realizzare con i proventi delle iscrizioni “Il giardino di Betty“.

Un parco giochi realizzato con pavimentazione antitrauma ottenuta dal riciclo di scarpe sportive, palline da tennis, copertoni e camere d’aria di biciclette. Il luogo sarà identificato insieme a Nicolas Meletiou, managing director di Eso e organizzatore della corsa, poco prima del 29/mo della strage di Capaci.

La memoria – ha detto il sindaco Leoluca Orlando, ricevendo la maglia ufficiale della corsa – è impegno costante, da coltivare ogni giorno. Insieme a Nicolas Meletiou, la città di Palermo corre per non dimenticare le 11 vittime delle stragi di Capaci e via D’Amelio e con loro tutte le vittime innocenti di mafia”

. L’iscrizione sarà consentita esclusivamente online, collegandosi al sito www.njuko.net/corsaperlamemoria e registrandosi. C’è tempo fino al 23 maggio.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin