Mafia all'Arenella: intercettazioni inchiodano il fratello della vedova Schifani :ilSicilia.it
Palermo

ECCO I DETTAGLI

Mafia all’Arenella: intercettazioni inchiodano il fratello della vedova Schifani

di
19 Febbraio 2020

Sono alcune intercettazioni ad inchiodare Giuseppe Costa, arrestato ieri con l’accusa di associazione mafiosa nell’ambito dell’operazione della Dia sul clan dell’Arenella.

Costa è fratello di Rosaria, la vedova del poliziotto Vito Schifani ucciso nella strage di Capaci insieme al giudice Giovanni Falcone, che durante i funerali invitò i mafiosi “a inginocchiarsi e chiedere perdono“.

Il 7 agosto del 2016, nel corso di una conversazione captata grazie alla microspia piazzata nella Mercedes di Francesco Paolo Scotto, quest’ultimo ha un “chiarimento” con Costa sulla consegna dei soldi frutto delle estorsioni ai commercianti del quartiere, oggetto di una querelle con il fratello Gaetano, che in quel momento si trovava in carcere.

In un’altra intercettazione ambientale, all’interno del pub White club, il primo settembre del 2016, Gaetano Scotto, appena scarcerato, nel corso di una discussione con un suo nipote, parla delle persone alle quali è stata affidata, in sua assenza, la gestione della famiglia dell’Arenella. E oltre ai due fratelli fa riferimento proprio a Giuseppe Costa.

Quest’ultimo, come emerge dalle intercettazioni, sarebbe tra i responsabili della tentata estorsione ai gestori della discoteca “Il Moro”, uno dei locali più noti di Palermo. Scrive il Gip nell’ordinanza di custodia cautelare: “alla luce di tutti gli elementi sopra esaminati deve concludersi per la piena intraneità di Giuseppe Costa all’interno della famiglia mafiosa“.

LEGGI ANCHE

Mafia a Palermo: ecco le attività che pagavano il pizzo a Scotto

Mafia, arrestato il fratello della vedova Schifani: “Fedelissimo del boss Scotto”

Mafia all’Arenella, blitz della Dia, otto arresti: in manette i fratelli Scotto

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.