Mafia, arrestato per truffa il genero di Totò Riina :ilSicilia.it

San Pancrazio Salentino

Mafia, arrestato per truffa il genero di Totò Riina

1 Dicembre 2017

È stato arrestato a San Pancrazio Salentino, dove vive con la moglie e i figli, il genero del boss Totò Riina. Antonino Ciavarello detto Tony, che in puglia gestisce una ditta di ricambi per automobili, è stato messo ai domiciliari per una truffa che avrebbe commesso nel 2009 a Termini Imerese.

A luglio di quest’anno i carabinieri avevano posto sotto sequestro beni per 1,5 milioni riconducibili a Ciavarello, alla moglie Maria Concetta e ai tre figli minorenni, ai quali sarebbero stati intestati conti correnti in cui sarebbero confluite somme provenienti da proventi di illeciti. In seguito a questa operazione il genero del capo dei capi aveva lanciato una colletta su facebook, sostenendo che i sequestri operati dalla magistratura avevano mandato lui e la sua famiglia nel lastrico.

Ciavarello e sua moglie erano appena tornati da Corleone, dove si erano recati per assistere ai funerali di Totò Riina, deceduto il 17 novembre. Al rientro i carabinieri della stazione di San Pancrazio Salentino hanno bussato alla sua porta per notificare il provvedimento di arresto.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.