Mafia, arriva la sentenza per il processo 'Camaleonte': sono in tutto 40 le condanne :ilSicilia.it
Catania

la decisione

Mafia, arriva la sentenza per il processo ‘Camaleonte’: sono in tutto 40 le condanne

di
26 Gennaio 2022

Quaranta condanne per i reati, contestati a vario titolo, di associazione mafiosa e spaccio di sostanze stupefacenti, tre assoluzioni e un non luogo a procedere. E’ la sentenza pronunciata dal Gup di Catania a conclusione del processo celebrato col rito abbreviato scaturito dall’operazione ‘Camaleonte’, del 23 giugno 2020, della squadra mobile contro il clan Cappello. L’inchiesta è stata coordinata dal procuratore aggiunto Ignazio Fonzo e dai sostituti Antonella Barrera e Tiziana Laudani.

Secondo l’accusa era di circa 1,5 milioni di euro al mese il volume d’affari della cosca capace di far arrivare cospicui quantitativi di hashish e marijuana anche a Malta. Fondamentale nell’organizzazione, secondo la Procura di Catania, era il ruolo delle donne, che non soltanto facevano le veci degli uomini quando questi ultimi erano in carcere, ma avevano la contabilità del traffico di droga e disponevano del ‘recupero crediti’. Tra le persone condannate ci sono anche Anna Russo (13 anni e 4 mesi), Giuseppa Russo (9 anni e 6 mesi) e Concetta Strano (9 anni e 4 mesi). Venti anni sono stati comminati a Luigi Scuderi, Salvatore Culletta e Goffredo Francesco Treccarichi Scauzzo. Condannati anche Concetto Bonaccorsi (18 anni e 8 mesi) e Simone Bonaccorsi (12 anni) e i presunti boss Mario Strano (18 anni e 8 mesi) e Salvatore Massimiliano Salvo (14 anni). Il Gup ha assolto, “per non avere commesso il fatto”, Sebastiano Balbo, Giuseppe Salvo e Mario Santonocito e disposto il “non luogo a procedere” per Guido Vasta.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.