Mafia, asse Palermo-Agrigento: sette arresti, tra loro due ex maestri venerabili | I NOMI :ilSicilia.it

OPERAZIONe DEI CARABINIERI DEL ROS

Mafia, asse Palermo-Agrigento: sette arresti, tra loro due ex maestri venerabili | I NOMI

di
31 Luglio 2019

Duro colpo assestato alla mafia siciliana, in particolare all’asse operante fra Palermo ed Agrigento.

E’ stato eseguito un blitz nella nottata di oggi, coordinato dai carabinieri dei Ros e dal comando provinciale di Agrigento, che ha portato all’esecuzione di un provvedimento di fermo, disposto dalla Dda di Palermo, nei confronti di sette persone riconducibili alla famiglia mafiosa di Licata (AG), due delle quali sono massoni ed ex maestri venerabili del GOI.

Le manette sono scattate su ordine del procuratore di Palermo, Francesco Lo Voi, dell’aggiunto Paolo Guido e dei sostituti Claudio Camilleri, Calogero Ferrara ed Alessia Sinastra. L’attività investigativa gira attorno a Lucio Lutri, funzionario regionale accusato di concorso esterno in associazione mafiosa.

Il soggetto, operante a Palermo, avrebbe messo a disposizione del clan mafioso la sua rete di contatti all’interno della pubblica amministrazione e delle logge, al fine di agevolare la cosca nei propri affari nell’agrigentino. L’uomo infatti era stato maestro venerabile di una loggia massonica del Grande Oriente d’Italia a Palermo.

L’altro massone arrestato è Vito Lauria, anch’egli ex maestro venerabile di un’altra loggia e figlio del boss dell’Agrigentino Giovanni Lauria. Lutri, in particolare, avrebbe fatto dei “favori” al capomafia approfittando delle proprie conoscenze e, affermano gli investigatori, se ne sarebbe anche vantato.

Con riferimento agli affari, l’attività investigativa ha portato a scoprire diverse attività imprenditoriali agrigentine in corso di strutturazione e riferibili al clan mafioso.

LE INTERCETTAZIONI: “Nessuno mi può fermare”

Con Giovanni Lauria, 79 anni, che i carabinieri considerano il boss di Licata, sono finiti in manette, nel blitz notturno degli uomini dell’Arma, il figlio Vito, 49 anni, e un funzionario della Regione siciliana, Lucio Lutri, 60 anni, che con i due Lauria divide l’appartenenza alla massoneria. Gli altri arrestati sono Angelo Lauria, 45 anni, Giacomo Casa, 44 anni, Giovanni Mugnos, di 53, Raimondo Semprevivo, 47 anni.

Lauria junior è maestro venerabile della loggia di Licata “Arnaldo da Brescia”, appartenente al Grande Oriente d’Italia (Goi). Lutri, dipendente dell’assessorato all’Energia, dove si occupa di finanziamenti pubblici, è stato maestro venerabile della loggia palermitana “Pensiero e azione” (oggi è “copritore interno” nella stessa loggia, inaugurata a Palermo nel 2016).

“L’associazione mafiosa – scrivono i pm nel provvedimento di fermo – ha avuto garantita da Lutri la sua disponibilità e l’utilizzo di importanti canali massonici, ottenendo vantaggi consistenti”. Lutri è un uomo dalla doppia identità, che dice di sé: “La mattina quando mi sveglio con una mano tocco il crocifisso e ‘dra banna’ (di là, ndr) ho il quadro di Totò Riina e mi faccio la croce“. Convinto che le sue relazioni lo avrebbero protetto da ogni pericolo, Lutri diceva:Ma chi minchia ci deve fermare più?“.

Rilevante anche la figura di Angelo Occhipinti, uscito dal carcere due anni fa e alleato dei Lauria. Il suo “ufficio” era un garage, dove aveva installato un disturbatore di frequenze che accendeva ogni volta che organizzava incontri coi boss. Ma l’apparecchio non ha impedito agli investigatori d’intercettare comunque le conversazioni.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.